LA FINLANDIA E LE RIVOLUZIONI PROTAGONISTE AL PISA BOOK FESTIVAL

La Finlandia e le rivoluzioni protagoniste al Pisa Book Festival

Dal 10 al 12 novembre appuntamento con la fiera dell'editoria indipendente, con 160 espositori e 200 eventi

Gli scrittori Tuomas Kyrö, Rosa Liksom, Minna Lindgren e Riikka Pulkkinen rappresenteranno la Finlandia alla 15ima edizione del Pisa Book Festival di Pisa che dal 10 al 12 novembre torna al Palacongressi con 160 espositori e oltre 200 eventi fra presentazioni di libri, laboratori di scrittura e traduzione, caffè letterari e altre sorprese.

Il Paese scandinavo è l'ospite d'onore dell'edizione 2017 del festival, a cui parteciperanno anche i big del momento a cominciare dal premio Strega, Paolo Cognetti, che incontrerà i lettori il 12 novembre alle 16, mentre saranno due le anteprime nazionali in cartellone: Marco Vichi che presenta "Nel più bel sogno", la nuova avventura del commissario Bordelli il 12 novembre alle 18, e Vanni Santoni col suo ultimo fantasy "Il regno del sogno", l'11 novembre alle 17.

Il Pisa Book Festival accenderà i riflettori anche sulle rivoluzioni, da Lutero al ’68. A cinquecento anni dalla Riforma protestante, "Lutero" (Mondadori) la monumentale monografia dello storico Adriano Prosperi, ricostruisce il quindicennio in cui il monaco s'interrogò sulla libertà del cristiano, sulla parola di Dio rivelata nella Bibbia e sulla grazia divina: se ne parlerà il 10 novembre alle 18 con l'autore e il direttore della Scuola Normale.

Protagonista anche la Rivoluzione d'ottobre in Russia che ha segnato il Novecento. Oltre allo speciale mini-evento "Processo a Lenin. L'ultima parola alla giuria popolare", dell'11 novembre alle 17, con Franco Andreucci nei panni del giudice ed Ettore Cinnella e Guido Carpi in quelli di accusa e difesa, è in programma anche l'incontro per Repubblica Caffè, il 10 alle 15, con Davide Orecchio racconterà "Mio Padre la Rivoluzione" (Minimum Fax).

Il Pisa Book si concentra anche su un altro anniversario quello del '68: l'appuntamento è con "Il Sessantotto a Pisa, 50 anni dopo" l'11 novembre alle 12 con il giornalista Giuseppe Meucci e lo storico dell'arte Stefano Renzoni, autori e curatori del libro "Il Sessantotto. Immagini di una stagione pisana" (Pacini editore).

Infine, all'Islam e alle sue radicalizzazioni con la guerra jihadista dell'Isis saranno dedicati due approfondimenti: il 10 novembre alle 12 con il giornalista Giampaolo Cadalanu che al Repubblica Caffè racconterà la vita quotidiana sotto l'Isis e presenterà il suo libro "Samer. I diari di Raqqa" (Mimesi edizioni) e il giorno dopo sempre alle 11 toccherà allo scrittore arabo-americano Terence Ward, raccontare il mondo islamico nel mini-evento "L'Isis spiegato ai ragazzi", argomento del suo ultimo libro (Lef edizioni).

02/11/2017