A MURLO TORNA IL FESTIVAL 'BLUETRUSCO': OMAGGIO AL POPOLO CHE AMAVA LA MUSICA

Bluetrusco

Dal 13 al 30 luglio torna in provincia di Siena l’unica manifestazione dedicata esclusivamente alla cultura etrusca, blu come la magica nota blu e il colore del cielo

Bluetrusco torna per il terzo anno consecutivo a Murlo con l'obiettivo di attestarsi a livello internazionale come il primo e l'unico festival dedicato alla cultura etrusca. La manifestazione presenta una proposta originale in grado di unire dentro un programma organico momenti di approfondimento scientifico, degustazione di prodotti tipici, eventi di musica e spettacoli teatrali originali tutti a ingresso gratuito. Il cartellone prevede anche mercatino, archeologia narrante, percorsi trekking, laboratori per bambini e ogni sera le 'Blue Nigh' con concerti nell'Antiquarium di Poggio Civitate.

Si inizia giovedì 13 luglio alle ore 17.00  con l'inaugurazione del festival, delle mostre e apertura del “Museo narrante”. Alle 18.30 concerto inaugurale della Cantoria dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma. In programma: Jesu rex admirabilis (Palestrina); Ave verum (Byrd); Più non si trovano e Luci care, luci belle (Mozart); Bei manner e Das klinget (dal Flauto Magico di Mozart); Coro delle sigaraie (dalla Carmen di Bizet); Cantique de Jean Racine (Fauré); Locus iste (Bruckner); Pange lingua (Kodaly); Take five (Desmond); Over the raimbow (Arlen); Pippo non lo sa (Kramer); Pinguino innamorato (Consiglio). Alle 20.00 degustazioni in piazza, mentre alle 21.30 "Che farne della bellezza?" tavola rotonda con Fabiola Parenti, Sindaco di Murlo; Andreas M. Steiner, direttore di Archeo; Simona Maggiorelli, giornalista e scrittrice; Elisa Bruttini, Direttore scientifico della Fondazione Musei Senesi. Coordina Giuseppe M. Della Fina.

Venerdì 14 luglio alle ore 18 si terrà il convegno "Murlo, Chiusi e Orivieto" con interventi di Lea Cimino Docente di Etruscologia e Antichità Italiche presso l’Università per Stranieri di Siena, Giuseppe M. Della Fina e Giulio Paolucci Direttore del Museo Civico Archeologico di Chianciano Terme. Alle 20 degustazioni in piazza e dalle 21.45 la Blue night con "Amare Velia" concerto di voci, musica e poesia in sette quadri.  "Amare Velia" è una storia che scava, tra le radici del Mediterraneo, nei valori del popolo etrusco e nell’attualità della parola amore. La racconta Marco Falagiani, autore, insieme a Giancarlo Bigazzi, della colonna sonora del film premio Oscar Mediterraneo (al 25° anniversario). Con lui una giovane cantante di valore come Valentina Galasso e un poeta-sceneggiatore, Pier Luigi Berdondini, protagonisti di testi inediti. Si ascolteranno i più celebri brani del Maestro, come Mediterraneo e il Tema di Vassilissa, Passerà, Babelé, Non amarmi, La farfalla oltre le viole, Ci vuole un attimo, Dimmi che è mattino.

Sabato 15 luglio il programma inizia prestissimo, alle ore 9 con “Incantati dalla benignità di questi limitati orizzonti” una passeggiata dal museo a Poggio Civitate (circa 5 km totali) con rinfresco al ritorno (gratuito) e dimostrazione di tecniche di tessitura antica a cura di Giulia Ciuoli. Alle 19 si tiene l'incontro "Volterra: la città dell’artigianato artistico" con Adriano Maggiani Docente emerito di Etruscologia presso l’Università degli Studi di Venezia. Alle ore 20 degustazioni in piazza e alle 21.45 Blue night con "Rasenna Echoes" concerto di canti e  musica ispirati al mondo  etrusco. La sperimentazione musicale di Francesco Landucci e Sabina Manetti ha ricevuto recentemente  un grande riconoscimento: il loro brano La mente mente è stato inserito nel 19° volume della compilation di fama mondiale Buddha Bar Montecarlo, della prestigiosa etichetta George V Records. Nella serata verrà presentato il cd realizzato in seguito a una collaborazione con Bluetrusco. Sarà l’occasione per ascoltare canti immaginari del simposio etrusco, miscelati con la sonorità della lingua etrusca, attraverso un sorprendente uso della tecnologia.

Domenica 16 luglio alle ore 9.30 "Classiche colazioni" concerto di musica da camera dal vivo e prodotti del territorio, alle ore 10 "Il telaio etrusco" laboratorio a cura di Giulia Ciuoli. Alle ore 19 Paolo Bruschetti Vice Lucumone dell’Accademia Etrusca di Cortona parlerà di "Cortona: la città dell’Accademia Etrusca". Alle 20 cena nei ristoranti tipici di Murlo e a seguire alle 21.45 Blue night con "Il blu e la luna nelle canzoni celebri" con Giulio Stracciati (chitarra), Klaus Lessmann (sax), Giacomo Rossi (contrabbasso) e Romina Capitani (voce). Il concerto spazia dalla tradizione jazzistica alla musica del Sud America, fino alla canzone d’autore italiana. I brani hanno la luna e le atmosfere “blue” della notte come filo conduttore, con riletture di classici come Blue Moon, Moon River, Guarda che luna. I protagonisti: Giulio Stracciati, docente di Siena Jazz, partner di musicisti importanti e autore di vari dischi; Romina Capitani, premiata per la sua voce in ambito italiano ed internazionale; Klaus Lessmann, insegnante, musicista e direttore d’orchestra; Giacomo Rossi, contrabbassista di talento.

Venerdì 21 luglio alle ore 19.00 Maria Grazia Celuzza Direttrice del Museo Archeologico ed Arte della Maremma parlerà di "Roselle: tra Etruschi e Romani". Alle 20 le consuete degustazioni in piazza e a seguire Blue night con il concerto del Deniss Pashkevich Italian Quintet. Deniss Pashkevich, lettone, è uno dei più noti musicisti jazz dei paesi Baltici. Ha suonato, tra gli altri, con Gene Perla, Christian Howes, Brian Melvin, Paul Bollenback, Ryo Kawasaki, Peter Eldridge, Janet Lawson, Bill Harper, Ted Curson, Stenley Jordan, Ben Dowling, Victor Fonarev, Brian Linch, Tim Miller, James Tomas Werts, Jill Scot Heron, Ray Blue, Bob Ferrel, Vincent Coutro, David Kikoski, Aaron Parks, Randy Brecker, Seamus Blake. Insieme a quattro eccellenti musicisti italiani propone, a Murlo, il suono nordico delle sue composizioni tratte anche dall’ultimo disco, Yours Faithfully.

Sabato 22 luglio alle ore 9 "Scoprire Poggio Civitate": visita guidata agli scavi e  colazione al ritorno. Alle 19.00 "Gli Etruschi del Po" incontro a cura di Maurizio Harari Docente di Etruscologia presso l’Università degli Studi di Pavia. Alle 20 degustazioni in piazza e a seguire Blue night "Sogno di una notte di mezza estate" spettacolo teatrale liberamente ispirato a Giovanni Boccaccio e a William Shakespeare con Alessandro Calonaci e la Compagnia Mald’Estro. Il Sogno di una notte di mezza estate è considerata la commedia perfetta per le sue geometrie interne e per il grande equilibrio tra realtà e finzione. Segna addirittura l’inizio della comicità contemporanea. Eppure Shakespeare rubò a piene mani da Boccaccio e Bandello. E per il Sogno si ispirò a tutta quella novellistica toscana che trattava di spiriti, fate e streghe. La versione che Alessandro Calonaci mette in scena parte esattamente da lì: dalla tradizione contadina (a sua volta con radici etrusche?) con le sue storie e i suoi canti dei “maggi”, facendola incontrare con le novelle di Giovanni Boccaccio.

Domenica 23 luglio alle ore 9.30 "Classiche colazioni" concerto di musica da camera dal vivo e prodotti del territorio, alle 10.00 "Il telaio etrusco" laboratorio a cura di Giulia Ciuoli. Alle 19 "Arezzo: la città di Mecenate" a cura di Maria Gatto Direttrice del Museo Archeologico Nazionale di Arezzo. Alle 20 degustazioni in piazza e dalle 21.45 Blue night "Gli Etruschi non se ne sono mai andati" recital di musica e poesie con il cantautore Nicola Costanti e il poeta-giornalista Marco Brogi. Nicola Costanti, due volte premiato al Club Tenco, e Marco Brogi propongono un viaggio intorno alla bellezza e al mondo degli Etruschi. Per l’occasione è stata preparata la canzone che dà il titolo allo spettacolo, nella quale si gioca sulla presenza ancora attuale della cultura, della storia e persino dei tratti somatici dell’antico popolo. è uno spettacolo in cui si alternano lirismo e ironia, con un excursus poetico su tutto ciò che rende unica questa terra. Ci saranno aforismi dedicati al vino, che per gli Etruschi non era una semplice bevanda ma uno stile di vita e un modo di stare insieme

Venerdì 28 luglio alle ore 19.00 "Perugia: tra Etruschi e Umbri" a cura di Luana Cenciaioli Direttrice del Museo Archeologico Nazionale dell’Umbria. Alle 20 degustazioni in piazza e alle 21.45 Blue night "L’eternità etrusca" letture dal racconto di Elie Wiesel, con Pino Strabioli (voce narrante) e l'introduzione di Giuseppe M. Della Fina. Paroles d’Entranger, da cui è tratto il brano di questa serata, è una sorta di giornale di viaggio dello scrittore premiato con il Nobel per la Pace. Ci si trovano cronache, dialoghi, incontri inframmezzati dalle splendide pagine teoriche e liriche sullo straniero, la guerra, la preghiera, l’amicizia, le relazioni ebraico cristiane. Il racconto di Elie Wiesel legato agli Etruschi viene letto da Pino Strabioli, volto noto della tv, autore e conduttore di programmi Rai, dedicati prevalentemente a grandi personaggi dello spettacolo. A sua volta è un regista teatrale e attore di notevole livello.

Sabato 29 luglio alle ore 9.00 "Scoprire Poggio Civitate" visita guidata agli scavi e  colazione al ritorno. Alle ore 19.00 "Populonia: la città etrusca della metallurgia" a cura di Silvia Guideri Direttrice dei Parchi Val di Cornia. Alle 20 degustazioni in piazza e alle 21.45 Blue night "Tour alle necropoli dell’Etruria nel 1839" letture dal libro di Elisabeth Caroline Hamilton Gray con Orsetta De Rossi (voce narrante) e l'introduzione di Giuseppe M. Della Fina. Tour to the Sepulchres of Etruria in 1839 è il volume di Elisabeth Caroline Hamilton Gray, romantica donna inglese che visitò l’Etruria alla fine degli anni Trenta dell’Ottocento, per scrivere una sorta di guida turistica. La lettura di alcune pagine significative è di Orsetta De Rossi, celebre doppiatrice e attrice. Dopo aver esordito alla fortunata trasmissione Tv delle ragazze su Rai Tre.

Domenica 30 luglio alle ore 9.30 "Classiche colazioni" concerto di musica da camera dal vivo e prodotti del territorio, alle ore 10.00 "Il telaio etrusco" laboratorio a cura di Giulia Ciuoli. Alle ore 19.00 "Vulci: una città tra Etruria e Roma" a cura di Carlo Casi Direttore scientifico della Fondazione Vulci. Alle 20 cena nei ristoranti tipici di Murlo e a seguire gran finale con la Blue nigth "Joyce E. Yuille & Jazz Inc". L’ultimo concerto è di una cantante straordinaria, abituata a calcare palcoscenici importanti. Gospel, soul, blues e jazz è il background di Joyce Yuille, artista di New York diplomata nella famosa La Guardia High School Of The Music and the Performing Arts (quella diella serie tv “Saranno Famosi”). Per l’occasione si esibisce con un eclettico ensemble che ha accompagnato artisti quali: Mario Biondi, Gegè Telesforo, Rosalia De Sousa, Tanya Michelle, Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Flavio Boltro, Marco Tamburini, Tullio De Piscopo. Verranno presentati pezzi originali del gruppo, alternati ai più celebri brani jazz.

Per informazioni e prenotazioni:
http://www.bluetrusco.land/programma-2016/
e.lillo@comune.murlo.siena.it
3489003563



02/07/2017