OPEN DATA, APP, CLOUD E START UP SCOPRI TUTTI I SERVIZI DELLA TOSCANA

open toscana

Sul nuovo sito Open Toscana è possibile eseguire online molte operazioni, nonchè facilitare operazioni di utilizzo comune

Cresce Open Toscana, open.toscana.it, l'innovativa multipiattaforma lanciata nelle scorse settimane dalla Regione. Tre bottoni sono già attivi dal 22 settembre: servizi on line, dati aperti e una casa per la partecipazione. In più, si sono aggiunti altri tre canali.

Ci sono le app da scaricare su tablet e telefonini per vivere meglio in Toscana: applicazioni sviluppate non solo dalla Regione e che cresceranno nel tempo. Si parte con una rassegna dedicata alla mobilità e al trasporto (c'è anche un app sui terremoti), al turismo, ai viaggi e alle utilità.

C'è uno spazio cloud a disposizione per ora delle pa ma che è intenzione estendere a privati interessati a sviluppare progetti di pubblica utilità: infrastrutture e piattaforme digitali pubbliche per modernizzare i servizi e facilitare l'accesso dei servizi digitali a cittadini e imprese locali.

C'è un canale infine sulle start up, ovvero le aziende dinamiche e innovative nella loro prima fase di avvio: una casa dove confrontarsi e scambiarsi idee, trovare informazioni utili su opportunità, bandi e collaborazioni possibili, ma anche una vetrina per farsi conoscere e fare dunque economia.

La Toscana è la sesta regione in Italia per start up: ne conta 92 su 1.227 registrate. E' la prima per spin off, ovvero le società che a volte precedono le start up e che si sviluppano da un'idea all'interno del mondo della ricerca tecnologica universitaria. "Se vogliamo cambiare e far crescere la pubblica amministrazione (e la nostra economia) – sottolinea l'assessore ai sistemi informativi e alla partecipazione, Vittorio Bugli - non possiamo non stare a stretto contatto con chi di innovazione vive, senza paura di contaminarsi. Per questo abbiamo pensato ad un canale dedicato alle start up ed altre iniziative a loro dedicate".

La prima è stata l'Hackaton dell'11 ottobre all'internet festival di Pisa: una maratona di sviiluppo per coder, hackers, hobbisti, maker, dottorandi e ricercatori di talento disposti a lavorare per creare prototipi e servizi a supporto di Open Toscana. Dopo la maratona sarà lanciato anche un vero e proprio concorso. Obiettivo: stimolare lo sviluppo di nuove applicazioni che facilitino l'accesso ai servizi e le banche dati della Regione, accrescere la trasparenza della pubblica amministrazione e il livello dei servizi digitali offerti ai cittadini, incentivare anche la creazione di nuove opportunità economiche. Per questo la Regione ha messo a disposizione 400 mila euro.

16/10/2014