#COLLABORATOSCANA, ECONOMIA DELLA CONDIVISIONE: LA REGIONE CI CREDE

Regione, Bugli inaugura a Firenze il percorso di #CollaboraToscana sull'economia della condivisione, presto un libro verde.

Avviato un percorso di condivisione e partecipazione che si protrarrà per un anno coinvolgendo la comunità sui temi della sharing economy nei settori di trasporti, infrastrutture, accoglienza, imprese. Dai contributi raccolti scaturità un Libro Verde

Economia della condivisione e della collaborazione, la Regione Toscana ci crede tanto da attivare un nuovo progetto di partecipazione, ascolto e riflessione che ha preso il via quest'oggi a Firenze, nel corso di un incontro tenutosi all'Auditorium di Sant'Apollonia.

Il percorso di #CollaboraToscana, realizzato con l'apporto del professor Christian Iaione dell'Università Luiss e con la cooperativa SocioLab, prevede una serie di workshop ai quali parteciperanno - oltre alla Regione - università, imprese e startup, istituzioni e cittadini. Incontri che saranno dedicati alla sharing economy declinata nei settori di infrastrutture e mobilità, digitale, energia, beni comuni, patrimonio culturale, servizi alla persona e accoglienza. Non mancheranno i focus su governance, collaborazione istituzionale e su quella tra settore pubblico e privato. 

"Siamo sempre più convinti che la pubblica amministrazione debba essere capace di trasformarsi, uscire dalla logica dello sportello per entrare sempre di più in quella della collaborazione - ha spiegato l'assessore regionale all'innovazione Vittorio Bugli, presentando il nuovo progetto #CollaboraToscana. Lo intendiamo - ha precisato Bugli - come un percorso che duri massimo un anno e ci porti a creare sempre maggiori sinergie e connessioni con cittadini, imprese associazioni. Ci candidiamo ad essere facilitatori di processi che portino i toscani a fruire al meglio di nuovi servizi, idee, conoscenze e competenze. 

"Un percorso - ha continuato Bugli - che ci porterà a realizzare l'Agenda Sharing Toscana, per cogliere tutte le opportunità offerte dalla sharing economy e disegnare una politica pubblica che individui gli obiettivi fondamentali e suggerisca formule e soluzioni per mettere in sinergia e coordinare gli interventi in questo nuovo settore, favorendo la semplificazione e la realizzazione di pratiche collaborative, sostenendo l'innovazione sociale e facendo leva sulle nuove tecnologie". 

L'obiettivo della Regione è quindi quello di radunare gli esperti di ogni settore, coinvolgendo associazioni, nuove imprese e giovani. Una scelta in linea con le innovazioni già messe in atto dall'amministrazione regionale, come la piattaforma partecipativa e di servizio OpenToscana fino ad arrivare SemplificaToscana e agli hackathon realizzati su mobilità e partecipazione. "Chiamiamo a raccolta i protagonisti della sharing economy - ha chiosato Bugli - perchè ci aiutino a disegnare una regione sempre più solidale, coesa, accogliente, rispettosa dell'ambiente e innovativa". 

Per farlo #CollaboraToscana promuove altri 4 workshop che si terranno a Firenze presso la sede della presidenza della Regione, in Palazzo Sacrati Strozzi, in programma il 13 e 14 luglio e nei giorni del 14 e 23 settembre. Per partecipare è possibile scirvere a sociolab@sociolab.it o inviare i propri contributi attraverso la rete, sul portale Open Toscana www.open.toscana.it.

Dai contributi raccolti online e nel corso degli incontri, scaturità un "Libro Verde", primo strumento di lavoro per l'amministrazione che poi potrà utilizzare idee, soluzioni e proposte per costruire le proprie politiche di settore e di indirizzo. 

 

Description for intoscana standard player

29/06/2016