Tartarughe marine: una campagna all'Elba per scovare tracce dei nidi

Un appello di Legambiente per trovare 'cercatori' di impronte delle Caretta caretta

Cercasi 'cercatori' di tracce di tartarughe marine all'Isola d'Elba così da individuare e preservare i nidi di Caretta caretta. È l'appello lanciato da Legambiente nell'ambito del progetto 'Elistar', realizzato insieme al Parco nazionale dell'arcipelago toscano, dopo che negli ultimi due anni le tartarughe marine hanno nidificato sulle spiagge elbane di Marina di Campo e di Stroccoligno.

Oltre a una campagna informativa, spiega una nota, con la distribuzione di opuscoli e installazione di cartelli esplicativi in circa sessanta spiagge dell'Elba e il coinvolgimento di stabilimenti balneari e punti blu, Legambiente anche quest'anno si impegna a monitorare le principali spiagge sabbiose dell'Elba con l'aiuto dei volontari e la collaborazione della capitaneria di porto e dell'Osservatorio toscano della biodiversità. La campagna di monitoraggio delle spiagge comincia domenica 9 giugno e prosegue fino alla prima metà di agosto.

Come spiega Isa Tonso, responsabile del progetto Elistar per Legambiente Arcipelago Toscano, "si tratta semplicemente di fare una salutare passeggiata la mattina presto, prima del passaggio delle ruspe e dei rastrelli dei bagnini, alla ricerca delle caratteristiche tracce che le tartarughe marine lasciano sull'arenile quando lo risalgono per scavare il nido in cui depongono le uova".

Legambiente conta "anche quest'anno sull'aiuto dei volontari esperti, di coloro che hanno partecipato al corso di formazione del gennaio scorso presso la sede del Parco nazionale, e anche sull'aiuto di turisti e residenti che, anche se senza esperienza, vogliono essere protagonisti di un progetto di conservazione" delle tartarughe marine.

07/06/2019