Firenze chiude i parchi e usa un software anti assembramento

A causa dell'emergenza Coronavirus chiusi i parchi pubblici e i giardini provvisti di cancello, per gli altri scatta il rafforzamento dei controlli con la Polizia

Firenze come anche i comuni di PratoEmpoli, Certaldo, Bagno a Ripoli e molti altri ha deciso di chiudere i parchi e giardini pubblici dotati di cancelli, mentre scatta il rafforzamento dei controlli su quelli privi di cancelli. La direzione Ambiente del Comune di Firenze ha adottato questo provvedimento per evitare assembramenti in parchi e giardini e quindi il diffondersi del contagio del Coronavirus tra le persone. La polizia municipale ha infatti ricevuto un elevatissimo numero di segnalazioni per assembramenti, pic nic e giochi di gruppo nei giardini, senza il rispetto della distanza di un metro fra le persone.

“Il grande afflusso nei nostri giardini e parchi - ha detto l’assessore all’Ambiente Cecilia Del Re -, senza però il rispetto della distanza minima, specie intorno ai giochi, ci ha costretto a chiudere i giardini dotati di cancelli, che dunque saranno chiusi fino a nuove disposizioni. Gli altri saranno aperti ma maggiormente presidiati, grazie al servizio della Polizia municipale che potrà ora concentrarsi su minori spazi da controllare. L’indicazione è chiara: stare a casa, evitare il più possibile di andare anche nei parchi e negli spazi verdi dove purtroppo si sono verificati molti assembramenti nei giorni scorsi. È un sacrificio per tutti, ma dobbiamo farlo tutti insieme per uscire il prima possibile da questa situazione”.

Il sindaco di Firenze Dario Nardella nella diretta giornaliera su Facebook ha aggiunto: "Stiamo aumentando fortemente i controlli" per verificare che non si esca per futili motivi e "grazie alla nostra rete di più di 1000 telecamere abbiamo pronto un software per rilevare tutte le forme di assembramento che ci sono in città, nel pieno rispetto della privacy". Nardella ha precisato che "la polizia municipale, oltre alle pattuglie, si avvarrà anche della nostra rete di telecamere, col software innovativo. È bene che le regole siano rispettate e applicate".

13/03/2020