L’oasi Arnovecchio festeggia le cento specie di uccelli osservate

L'ultima avvistata è un fenicottero che veleggiava da una riva all’altra come un cigno rosa

Nei giorni scorsi una presenza insolita ha animato l’area naturale protetta di Arnovecchio: un bellissimo esemplare di Fenicottero che, nelle acque profonde del lago, veleggiava da una riva all’altra come uno strano “cigno rosa”.
Al di là del piacevole spettacolo, la vera notizia è che l’osservazione del Fenicottero porta l’oasi di Arnovecchio, piccolo gioiello naturale a due passi dal centro storico di Empoli, a festeggiare le 100 specie di uccelli osservate. Per un’area di superficie limitata e di origine artificiale si tratta di un numero veramente significativo, reso possibile dalla protezione accordata a questo ambiente e dagli interventi di rinaturalizzazione effettuati nel corso degli anni.

Fistione turco
Fistione turco


Dal 2016 l’oasi di Arnovecchio, di proprietà del Comune di Empoli, è gestita dal Centro RDP Padule di Fucecchio Onlus che cura la manutenzione e le aperture al pubblico, ma anche il monitoraggio della flora e della fauna. Il Centro registra costantemente le specie ornitiche osservate, aggiornando un check list che comprende, insieme a specie molto diffuse, presenze eccezionali come la Strolaga mezzana, un migratore nordico, ed il Marangone minore. Regolare invece la presenza di anatre tuffatrici non comuni come la Moretta tabaccata e il Fistione turco, che spesso fra l’estate e l’autunno si accompagnano al gruppo di Moriglioni che sverna ogni anno nelle acque di Arnovecchio.

Per favorire la sosta degli uccelli acquatici il Centro ha realizzato anche piccole opere di miglioramento ambientale a fini naturalistici, mirate ad una maggiore diversificazione degli ambienti umidi, come posatoi galleggianti ancorati al fondo. La biodiversità dell’area è arricchita dalla presenza della vegetazione ripariale e di un boschetto che circonda il lago, con arbusti spontanei che producendo frutti e bacche costituiscono un’attrazione per molti piccoli uccelli. La gestione del bosco, attenta a lasciare sul posto anche piante vecchie e deperienti, assicura la presenza di ben quattro specie diverse di picchi, fra cui il raro Picchio rosso minore che qui nidifica e vive tutto l’anno.

Tutti gli interessati possono fruire liberamente di questa grande ricchezza naturalistica grazie alle aperture regolari dell’oasi di Arnovecchio che sono il sabato pomeriggio e la domenica mattina e partecipare anche agli eventi speciali organizzati periodicamente.

Per informazioni:
tel. 0573/84540
ucecchio@zoneumidetoscane.it
www.paduledifucecchio.eu

 

15/11/2019