Piano regionale cave: segui lo streaming in diretta da Carrara

di Barbara Mottola

Mattinata di approfondimento per conoscere il nuovo Prc in corso di approvazione. L’evento, promosso dalla Regione, si tiene oggi, venerdì 13 settembre, e rientra in una serie di incontri dal titolo “La Toscana che si muove”. Per vedere il convegno live basta collegarsi su www.intoscana.it

Proprio a Carrara, dove la pietra è parte della storia, nella Sala Marmoteca della Fiera: non si poteva immaginare posto migliore per ospitare la mattina dedicata agli approfondimenti sul nuovo Piano regionale cave (PRC) e riflettere sull'evoluzione legislativa che ha interessato negli ultimi anni le attività estrattive toscane. L'appuntamento è per oggi venerdì 13 settembre, dalle 9,30 alla Fiera di Carrara. Tutto l'incontro viene trasmesso i diretta streaming sul nostro sito www.intoscana.it

 

 

Il settore minerario ha numeri importanti: 94 comprensori che coinvolgono 140 Comuni della nostra Regione, 644 aree di risorsa mineraria, più di 2400 siti estrattivi dismessi, 275 siti estrattivi di interesse storico. Da qui vengono estratti oltre 6 milioni di metri cubi di materiali, destinati ad usi industriali, edili, civili e ornamentali. La filiera lapidea conta circa 1400 imprese e 7mila occupati tra addetti all’estrazione, alla lavorazione e alla produzione di beni, ed esporta nel mondo marmo, alabastro, travertino: oltre il 30% dell’export italiano è composto dai materiali da cava toscani.

Ed è un settore che deve essere tutelato e sostenibile. Per questo la Regione Toscana si è dotata di un quadro normativo aggiornato: il nuovo PRC - previsto dalla legge regionale 35 del 2015 ‘disposizioni in materie di cave’ che ha ridisegnato la struttura organizzativa del settore – mappa i giacimenti e definisce le regole per la tutela e l’approvvigionamento dei materiali e dei siti.

Per conoscere meglio il PRC, è stato organizzato dall'assessorato regionale alle Infrastrutture e al Governo del territorio il convegno, nell'ambito di una serie di incontri raccolti sotto il titolo 'La Toscana che si muove' e dedicati alle politiche di sviluppo infrastrutturale ed urbanistico realizzate nel corso degli ultimi 5 anni.

I lavori saranno introdotti dalle relazioni dell'assessore al Governo del territorio Vincenzo Ceccarelli e del direttore dell'Area politiche per la mobilità della Regione Toscana Enrico Becattini.

A seguire una tavola rotonda coordinata da Gianluca Baccani, capo-segreteria dell'assessorato, e dedicata alle 'Nuove regole dell'attività estrattiva', con molti partecipanti: Gianni Anselmi, presidente della seconda commissione del consiglio Regionale; Francesco De Pasquale per Anci Toscana; Alessio Marco Ranaldo, presidente di Confindustria Toscana; Fausto Ferruzza, presidente di Legambiente Toscana; Maurizio Brotini della CGIL Toscana; il comandante Maurizio Folliero dei carabinieri forestali.

Durante la seconda parte della mattinata, che si concentrerà sul 'Paesaggio delle cave, tra identità, tutela e sviluppo', si potranno ascoltare la relazione introduttiva del direttore dell'area urbanistica della Regione Toscana, Aldo Ianniello, e i molti altri interventi nella seconda tavola rotonda moderata da Davide De Crescenzo, direttore di intoscana.it: Stefano Baccelli, presidente della quarta commissione del consiglio Regionale; Marcello Mossa Verre, direttore generale di Arpat; Il sindaco di Minucciano Nicola Poli; il presidente di Legacoop Toscana Roberto Negrini e l’architetto e paesaggista Maurizio Ori si dedicheranno a discutere gli aspetti paesaggistici e territoriali che riguardano le aree minerarie, per concludere la mattinata. 

11/09/2019

save the date
save the date