Così Michelangelo avrebbe illuminato le Cappelle Medicee

Tre secoli dopo, le Cappelle ritrovano la luce. Trova infatti forma il progetto d'illuminazione pensato da Michelangelo Buonarroti

Si apre un nuovo capitolo nella fruizione della Sagrestia di Michelangelo Buonarroti nel Museo delle Cappelle Medicee a Firenze, grazie a un progetto di illuminazione, manutenzione e restauro promosso dai Musei del Bargello in partnership con Lottomatica.

I maggiori storici dell'arte hanno evidenziato come architettura, scultura e uso della luce naturale siano profondamente connesse nell'arte di Michelangelo. Capolavoro del rinascimento italiano, la Sagrestia Nuova di San Lorenzo è esemplare di come l'artista fiorentino lavorasse sulle fonti luminose: Michelangelo, infatti, oltre ai gruppi scultorei e alle decorazioni ha progettato anche l'edificio, con le finestre sui vari ordini architettonici, e la lanterna della cupola.

L'illuminazione progettata da Michelangelo era funzionale alla comprensione del percorso simbolico e narrativo ideato dallo stesso artista, in particolare per le sue splendide sculture: ma le condizioni di luce risultavano mutate. Grazie alle nuove tecnologie e a un sapiente uso della luce è stata realizzata una nuova illuminazione che evoca, dopo oltre tre secoli, le condizioni luminose vicine a quelle create da Michelangelo per la Sagrestia Nuova.

Il progetto è stato eseguito dallo storico dell'arte e restauratore Antonio Forcellino, cui si deve anche un'attenta pulitura della Madonna col Bambino e dei Santi Cosma e Damiano, e dal maestro delle luci Mario Nanni, con la collaborazione della dottoressa Monica Bietti, storico dell'arte Responsabile del Museo delle Cappelle Medicee, e dell'architetto Maria Cristina Valenti Responsabile tecnico dei Musei del Bargello.

 

19/02/2019