Premio Tutino Giornalista a Rizzo e Bonaccorsi per aver raccontato l'Acquarius

I due fumettisti hanno realizzato l'opera di graphic journalism "Salvezza", il resoconto di tre settimane a bordo della nave che soccorre i migranti

Sono Lelio Bonaccorso e Marco Rizzo i vincitori del Premio Tutino Giornalista, il riconoscimento istituito dall'Archivio dei diari in memoria del suo fondatore che viene assegnato ogni anno in occasione del Premio Pieve e quest'anno andrà ai due fumettisti che in "Salvezza" hanno raccontato la vita a bordo dell'Acquarius.

L'opera di graphic journalism, pubblicata da Feltrinelli nel maggio del 2018, è il reseconto di tre settimane sulla nave che soccorre i migranti nel Mediterraneo, in quel tratto di mare dove barconi e gommoni stracolmi di uomini, donne e bambini disperati possono incontrare la salvezza o la morte.

"Salvezza" è uscita circa un mese prima che l’imbarcazione con gli oltre 600 migranti che trasportava cominciassero una drammatica odissea nel Mediterraneo alla ricerca di un approdo. Perché fare giornalismo significa saper scegliere le storie importanti per il proprio tempo, i luoghi e i momenti opportuni per raccontarle, utilizzare un linguaggio attuale, esprimersi con talento.

Il Premio Tutino Giornalista sarà consegnato da Gloria Argelès, moglie di Tutino, venerdì 14 settembre, durante la 34° edizione del Premio Pieve a Pieve Santo Stefano. Il giornalista del gruppo Espresso Pier Vittorio Buffa e Roberto Bernabò, vicedirettore de Il Sole 24 ore per lo sviluppo digitale e multimediale, presenteranno il lavoro degli autori riflettendo sullo stato dell'arte del giornalismo in Italia e sui nuovi linguaggi della comunicazione.

20/08/2018