Archeologia, arte e ambiente: a Firenze torna TourismA

Dal 21 al 23 febbraio torna il salone dedicato all'archeologia e al turismo culturale con 250 relatori e ospiti come Philippe Daverio e Pupi Avati

Tre giorni dedicati al passato, al presente e al futuro dei beni culturali con 100 espositori e 250 relatori anche stranieri: dal 21 al 23 febbraio torna al palazzo dei Congressi di Firenze 'TourismA', il salone dell'archeologia e del turismo culturale organizzato dalla rivista Archeologia Viva. Questa sesta edizione, presentata nella sede del Consiglio regionale della Toscana, è dedicata in particolare ai temi dell'arte, dell'archeologia e dell'ambiente con le principali realtà culturali italiane che proporranno itinerari pensati per un pubblico attento non solo al 'dove' ma al 'come' si viaggia. Tra i protagonisti anche gli Etruschi, al centro (venerdì alle 11) della presentazione dei percorsi culturali e turistici del prodotto turistico omogeneo 'Toscana Terra Etrusca' che sta prendendo forma con 34 Comuni toscani.

Tra i relatori attesi anche il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt, lo storico dell'arte Philppe Daverio, l'archeologo Andrea Carandini, il regista Pupi Avati, il critico d'arte Vittorio Sgarbi e Alberto Angela che chiuderà la kermesse fiorentina. L'evento sarà anche l’occasione per fare il punto sulle ricerche archeologiche italiane all’estero, e sulle ultime tecnologie applicate alla conservazione e divulgazione del patrimonio culturale.

Patrizia Piacentini, egittologa dell’Università statale di Milano, ha anticipato alcune scoperte, che verranno presentate durante la kermesse, fatte in recenti scavi di tombe ad Assuan. Qui il muso di un leopardo, dipinto con colori vivacissimi sul coperchio di un sarcofago, è riemerso da un'antica tomba scoperta nel 2019 dalla missione italo-egiziana Eimawa, nella necropoli posta sulla riva occidentale del Nilo vicino al Mausoleo dell'Aga Khan. In una stanza adiacente sono stati trovati anche dei pinoli, reperti rarissimi dal momento che la pianta era di importazione. Per rivivere in prima persona il ritrovamento, l'appuntamento è per venerdì 21 febbraio a TourismA, dove l'egittologa guiderà il pubblico alla scoperta della tomba AGH026. Sarà così possibile farsi stregare dagli occhi del leopardo sormontato da una fascia variopinta, che doveva essere posto in corrispondenza della testa del defunto per offrirgli forza e protezione per il suo viaggio nell'aldilà.

IW-Sarcofago-degli-Sposi-02-665x501

Al salone anche la Toscana sarà protagonista, con due eventi organizzati dal Consiglio regionale. Il primo è il convegno “Toscana a murAperte. Città murate, torri e castelli: alla scoperta di nuovi itinerari" in programma venerdì 21 febbraio alle 9: saranno presentati i risultati del sostegno che il Consiglio ha dato, con oltre 3 milioni di euro, ai progetti di valorizzazione e recupero di fortificazioni storiche e di creazione di nuovi itinerari. “Con la legge regionale 46/2016 abbiamo deciso di impiegare i nostri avanzi di amministrazione a sostegno dei progetti di tanti Comuni – sottolineato il presidente dell’assemblea toscana Eugenio Giani – un provvedimento che abbiamo rinnovato ogni anno, e che ci auguriamo che diventi strutturato nel prossimo futuro”. La seconda iniziativa vedrà lo stesso presidente del Consiglio regionale sabato 22 febbraio, alle 17, tenere una lectio dal titolo “Magnus Dux Etruriae: gli Etruschi e Cosimo I de’Medici”

19/02/2020