Musica/ ARTICOLO

Il Glue di Firenze festeggia 5 anni Party con Solki e Celluloid Jam

Sabato 26 settembre una grande festa di compleanno per aprire la sesta stagione. Simone Giuliani fa un bilancio di cinque anni di passione e sudore

/ Costanza Baldini
Lun 21 Settembre, 2015
Solki, foto di Sharon Nicotera

Il Glue festeggia i suoi primi cinque anni nella scena musicale fiorentina e lo fa nel modo più scintillante che ci sia. Sabato 26 settembre a Firenze doppio concerto, sul palco si alterneranno due delle band toscane del momento Solki e Celluloid Jam. L'aftershow vedrà invece un'alternarsi di dj per ballare fino al mattino ogni tipo di sound, saliranno sul palco: Mautunes, RauJ, MyShell, Russel, Dis0rder, I Monatti, Venus, Bob Dylan Dj, Nik Gonnella e Alwaysmore. Noi siamo andati ad intervistare uno degli storici fondatori del locale fiorentino Simone Giuliani che ci ha raccontato la sua esperienza di passione e sudore.

Simone com’è iniziata quest’avventura che si chiama Glue?
E’ iniziata cinque anni fa quando le dirigenze dell’Africo mi chiesero se avevo voglia di utilizzare questo vecchio teatro. Allora il Glue era chiuso, era diventato un magazzino. Io andai a vederlo e mi piacque molto così feci un giro di telefonate e chiesi a un po’ di amici se avevano voglia di partecipare a quest’impresa. Da allora il Glue è rimasto sostanzialmente la stessa cosa: un collettivo, un’associazione culturale, di volontari che mettono in campo le proprie professionalità, il proprio entusiasmo, le proprie forze, il proprio tempo libero per dare a Firenze un qualcosa in più: la voglia di sperimentare e di offrire al proprio pubblico, ai propri soci, musica e cultura.

Quali sono i problemi più grossi e d’altro canto le soddisfazioni più belle di questo lavoro?
Bè sicuramente una bella soddisfazione è quando riempiamo la sala di gente con la consapevolezza di aver portato in concerto a Firenze magari nomi meno noti ma che per noi valgono. La difficoltà più grande è dopo una giornata di lavoro togliere tre-quattro ore alla famiglia e dedicarle al Glue. Ci vuole una grande passione. Noi siamo totalmente autonomi, non abbiamo mai preso un euro di contributi pubblici. Tutto quello che guadagniamo lo reinvestiamo nel locale, questo ci permette di essere più liberi nelle nostre scelte artistiche, a nostro rischio e pericolo ovviamente. A volte ci scontriamo con il pubblico fiorentino che magari non è curioso come lo siamo noi nei confronti delle novità.

E per il prossimo anno cosa ci aspetta?
Stiamo preparando una stagione incredibile che ci è costata davvero un grande sforzo, apriamo sabato 10 ottobre con un concerto che ci rende davvero molto orgogliosi, quello di Mauro Ermanno Giovanardi che per noi è non una ma tre spanne sopra tutto quello che abbiamo organizzato fino ad ora. Poi ci saranno gli Zeus! che presenteranno il nuovo album, i Bachi da Pietra, i C+C=Maxigross, i Mamavegas. A dicembre un’altra data di cui siamo molto fieri il live dei Disappears. Inoltre come anche negli anni scorsi prosegue la rassegna cinematografica del venerdì, il corso di teatro, le mostre e le presentazioni di libri e di fumetti.

Foto di Sharon Nicotera

[it_mappa]