LA QUERCIA DELLE CHECCHE IN SALVO ALBERO MONUMENTALE DELLA TOSCANA

quercia delle checche

La Regione la mette sotto tutela. Risponde alla richiesta di protezione da parte del Comune di Pienza arrivata il settembre scorso

La Regione Toscana ha messo sotto protezione la Quercia delle Checche, ossia delle gazze. Si tratta di un gigantesco albero di almeno 350 anni che si trova a Pienza, in Val d'Orcia. Da difendere perché è stato classificato come albero monumentale della Toscana.

La pianta è alta 22 metri, con un fusto di 4,5 metri di perimetro. E d'estate è una meraviglia di chioma, raggiunge i 34 metri di diametro, che fa da nido a una miriade di uccelli. E' da tempo motivo di attrazione di turisti e non solo che arrivano con le auto, si mettono a ridosso del tronco e calpestano il terreno rendendolo poco permeabile.

Per questo la Regione ha dato il via libera alla richiesta del Comune di Pienza che aveva formalizzato la richiesta di tutela il settembre scorso. A Ferragosto, infatti, si era staccato un grosso ramo della pianta, come denunciato su Facebook dal gruppo “Sos quercia delle Checche” . Successivamente alcuni volontari della Società Italiana di Arboricoltura erano intervenuti per evitare danni permanenti alla pianta storica.

Ora gli esperti lanciano l'idea di una recinzione dell’area per proteggere l'albero. Alcuni propongono la costruzione di una pedana in legno per evitare il calpestìo del terreno intorno all’albero. Lavori che non spettano alla Regione, ma al Comune. Le strutture regionali semmai possono intervenire a supporto. Bene comunque che la Quercia della Checche sia stata messa sotto protezione dalla Regione.

09/01/2015