Salute/

Le protesi indossabili dell’ateneo di Siena conquistano Philadelphia

I pazienti colpiti da ictus cronico potranno recuperare – grazie al “sesto dito robotico” –  parte delle funzionalità della mano come – ad esempio – afferrare oggetti

protesi indossabili ictus ateneo siena

L’ictus come molti sanno può provocare anche una perdita delle funzionalità della mano: per rispondere a questo problema, al quale vanno incontro molti pazienti, arriva la sperimentazione dell’Università di Siena che ha sviluppato – grazie a un team di ricercatori guidati dal professor Domenico Prattichizzo –  il “sesto dito robotico”, un sistema indossabile che permette – ad esempio – di afferrare oggetti.

 Lo  studio “The hRing as a Wearable Haptic Interface for Extra Robotic Fingers”  – condotto da Siena Robotics and Systems Lab, SIRSLab  –  apre quindi speranze per le persone colpite da ictus, guadagnandosi anche il riconoscimento per la miglior dimostrazione nella conferenza internazionale “IEEE Haptics Symposium 2016” a Philadelphia. Un dispositivo  facile da indossare, da controllare e da utilizzare anche in alcune attività di vita quotidiana, grazie alla portabilità dell’intero sistema, come hanno dimostrato anche i test effettuati sui pazienti affetti da ictus cronico.

“Il sesto dito robotico – spiega Prattichizzo – ha una struttura flessibile che garantisce l’adattamento alla forma degli oggetti durante la presa. Il dispositivo è dotato di un meccanismo sulla base che permette all’utilizzatore di ruotarlo e riporlo come un bracciale attorno al polso, per poi poterlo facilmente riutilizzare all’occorrenza. Il dispositivo viene indossato sull’avambraccio tramite una fascia elastica che permette di posizionarlo a secondo delle esigenze del paziente. Il sesto dito e la mano paretica lavorano insieme per afferrare un oggetto, come se fossero le due parti di una pinza”.

Il sistema, pensato e sviluppato dal team composto dai ricercatori Giovanni Spagnoletti, Irfan  Hussain, Claudio  Pacchierotti e Gionata  Salvietti, è arricchito anche dalla presenza di un’interfaccia tattile, l’hRing, che permette di controllare il sesto dito robotico e di adattare sull’utilizzatore vari tipi di feedback tattile durante la presa di un oggetto. 

 

I più popolari su intoscana