Prima giornata del Festival d'Europa A Villa Salviati e Santa Maria Novella

Nella giornata inaugurale di lavori ospiti Giorgio Napolitano e Romano Prodi che hanno analizzato il momento storico dell'Unione Europea

La terza edizione del Festiva d'Europa ha preso ufficialmente il via con l'inaugurazione del 6 maggio in piazza Santa Maria Novella, anticipata di qualche ora dall'avvio della conferenza internazionale “The State of the Union” che a Villa Salviati ha visto gli interventi del Presidente emerito Giorgio Napolitano e dell'ex Presidente della Commissione Europea Romano Prodi.

Due analisi, quella dei due ex presidenti, accomunate dall'essere molto critiche sul momento attuale dell'Unione Europea. “Abbiamo bisogno di una leadership europea – ha sottolineato il Presidente emerito Napolitano - Quando hai una guida forte, puoi ridurre il gap. Abbiamo perso molta leadership in tutta la UE. C'è bisogno di una collaborazione tra aspetto politico ed aspetto economico". Una disamina avallata anche da Prodi, soprattutto per quanto riguarda l'appeal dell'Unione nel resto del mondo. “Ho insegnato in Cina per sei anni, nessuno ormai vuole più studiare la materia 'Unione Europea' – ha spiegato Prodi - il mondo sta cambiando, dobbiamo recuperare questo disavanzo. La paralisi europea è legata al fatto che nessuno sembra voler innovare ed innovarsi”.

La platea per l'inaugurazione di The State of the Union a Villa Salviati
La platea per l'inaugurazione di The State of the Union a Villa Salviati

Altro tema trattato a Villa Salviati è stato quello dell'immigrazione, di pressante attualità con l'Italia che chiede all'Unione Europea una posizione unitaria nell'affrontare l'accoglienza dei migranti. “L'Italia chiede politiche comuni sull'immigrazione – ha spiegato Giorgio Napolitano – per una giusta distribuzione dei migranti. Ci sono dichiarazioni di buoni intenti, c’è la volontà di superare questa situazione ma senza un accordo comune sarà impossibile regolare i flussi migratori.

La giornata si è poi conclusa con il taglio del nastro in piazza Santa Maria Novella alla presenza di Cristina Giachi, vice sindaco del Comune di Firenze, e di Paolo Chiappini, direttore di Fondazione Sistema Toscana.

Ti potrebbero interessare anche :

- Festival d'Europa e Università Politiche di immigrazione e asilo

- Renzi a Firenze coi leader europei Streaming live da Palazzo Vecchio

- Il Festival d'Europa invade Firenze: 120 eventi e grandi ospiti

07/05/2015