Attualità/

A Lucca “convention” del volontariato

"Villaggio Solidale" è il titolo del primo evento fieristico nazionale dedicato al cosiddetto terzo settore che si svolgerà dal 17 al 20 febbraio nella città toscana. Atteso il ministro Sacconi

La "convention" del volontariato aprirà i battenti il 17 febbraio a Lucca, presso il Polo fieristico ex Bertolli. "Villaggio Solidale" è il nome del Salone, una vera e propria fiera, che ospiterà in una quattro giorni di eventi associazioni, centri servizio, aziende che forniscono beni e servizi, enti pubblici, fondazioni bancarie, istituti di credito che interagiscono con il mondo del volontariato.

A promuoverlo una rete di attori di livello nazionale riuniti in un comitato insieme alla società Lucca Polo Fiere e Tecnologia spa. Il comitato è composto dal Centro Nazionale del Volontariato, la Fondazione Volontariato e Partecipazione, il Forum Terzo Settore, la Consulta Nazionale del Volontariato, la ConVol, CSV.net e il Cesvot con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e il Patrocinio, fra gli altri, della Regione Toscana.

Lo hanno presentato presso la sede del Cesvot alla stampa toscana il presidente del Cesvot Patrizio Petrucci, il vicepresidente vicario del Centro Nazionale per il Volontariato Mariapia Bertolucci, l’assessore regionale al welfare Salvatore Allocca, il presidente della Provincia di Lucca Stefano Baccelli, il sindaco di Lucca Mauro Favilla, il presidente della Società Lucca Polo Fiere e Tecnologia Giuseppe Stancanelli e Maria Carmela Mazzarella per Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

"Villaggio Solidale" prevede un’area dedicata all’esposizione del lavoro e dei prodotti di tutte queste realtà e un ricco programma culturale che mette a confronto esperti ed operatori del settore, partendo dai temi "caldi": dal ruolo del volontariato per il bene comune agli strumenti per la partecipazione nella prospettiva del federalismo; dal servizio finanziario al volontariato, al servizio stesso che esso esprime nella società; dalle esperienze dei giovani alla comunicazione sociale, passando per i temi ambientali, la protezione civile e un convengo che metterà intorno al tavolo della discussione istituzioni a tutti i livelli e reti del volontariato.

Si tratta dell’edizione zero della manifestazione, la quale conta su importanti patrocini come quello del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di diverse Regioni, dell’Anci, dell’Upi, della Provincia e del Comune di Lucca, della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, di grandi associazioni, nonché del Segretariato Sociale Rai. La comunicazione sociale sarà, del resto, uno dei temi portanti della manifestazione la quale apre di fatto l‘Anno Europeo dedicato al Volontariato e si concentra su quattro temi principali: servizi, partecipazione, educazione e innovazione. I quali verranno declinati e analizzati anche tramite un ricco calendario culturale (che prevede convegni, seminari, workshop, laboratori).

Fra i relatori dei convegni, che animeranno la quattro giorni di Lucca, nomi e attori di primo piano come il Ministro del Lavoro e Politiche Sociali Maurizio Sacconi, il presidente della Agenzia per le Onlus Stefano Zamagni, il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e presidenti e assessori di diverse Regioni di Italia, la parlamentare europea Silvia Costa, Luca Jahier, presidente del III° Gruppo del Comitato Economico e Sociale Europeo, il presidente della Caritas Mons. Giuseppe Merisi, il presidente del Centro Nazionale per il Volontariato Giuseppe Zamberletti, il Capo Dipartimento della Protezione Civile Franco Gabrielli. Sul campo della comunicazione e del giornalismo si confronteranno, fra gli altri, il presidente dell’Ordine dei Giornalisti Enzo Iacopino e la vice-direttore del Corriere della Sera Barbara Stefanelli.

Ricco anche il cartellone degli eventi di intrattenimento all’insegna della comicità, senza rinunciare all’impegno sociale. Non mancheranno cabarettisti di grande valore, resi celebri da programmi televisivi come Zelig. Gian Luca Clobas, in arte Luca Klobas, veneziano, porterà a Villaggio Solidale il celebre Ratko, "l’albanese" che lo ha reso famoso dai suoi "sguardi" sugli italiani con gli occhi di uno straniero. Infine Alberto Patrucco raffinato cabarettista, capace di far ridere e meditare allo stesso tempo, che porterà a Lucca il suo spettacolo sulle canzoni di George Brassens "Chi non la pensa come noi" e il nuovo libro Necrologica.

Per informazioni:
http://www.villaggiosolidale.com/

Topics:

I più popolari su intoscana