A maggio tornano a zampillare le fontane delle rampe Poggi a Firenze

Dopo il restauro, saranno di nuovo in funzione le fontane e le vasche che da Porta San Niccolò salgono verso Piazzale Michelangelo

Torneranno a zampillare a Firenze a maggio le fontane del complesso delle rampe e delle vasche che da Porta San Niccolò salgono verso piazzale Michelangelo, realizzate a metà ottocento dell'architetto Giuseppe Poggi. Il posizionamento, questa mattina, di una cisterna da 27mila litri d'acqua per il loro approvvigionamento è stata l'occasione per fare il punto sullo stato di avanzamento dei lavori di restauro.

Il serbatoio di compenso alimenterà l'acqua di cascate, vasche e fontane grazie ad un sistema di pompe che garantirà l'afflusso di acqua da piazza Poggi fino al livello più alto delle rampe. Un passo importante dell'operazione di restauro partita nello scorso luglio e finanziata, tramite Art bonus, dalla Fondazione Cr Firenze con circa 2,5 milioni di euro.

Presente oggi al posizionamento della cisterna il direttore generale del Comune di Firenze, Giacomo Parenti, che ha parlato di "positiva collaborazione tra pubblico e privato, in questo caso tra Comune e Fondazione". "L'avanzamento del restauro - ha commentato il direttore generale di Fondazione Cr Firenze, Gabriele Gori - comincia a mostrare la magnificenza di quest'imponente opera che la Fondazione ha voluto restituire alla città. Questo importante step di lavori consentirà di recuperare l'evento più significativo del disegno del Poggi".

In questi mesi di lavori, è emersa l'impossibilità di ripristinare la situazione originaria a causa di interruzioni del sistema di adduzione dell'acqua, quindi, per ripristinare le suggestioni volute dal Poggi è stato ideato un nuovo sistema che si fonda sul ricircolo dell'acqua grazie a due pozzi artesiani in piazza Poggi collegati a sistema sotterraneo di accumulo e pompaggio.

13/03/2019