A Natale i camperisti d'Italia preferiscono la Toscana

Tra le mete preferite degli oltre 600mila camperisti, la Toscana è la prima regione italiana. Sul podio anche Marche (seconda posizione) e Piemonte (terzo)

Saranno oltre 600mila gli italiani che quest'anno si metteranno in viaggio in camper per le prossime feste che si concluderanno con l'Epifania, secondo le previsioni dell'APC - Associazione Produttori Caravan e Camper. E, oltre alle classiche mete sciistiche e alle settimane bianche, il trend sarà legato ai borghi del Belpaese: anche per le prossime festività saranno quindi protagonisti i tesori nascosti della nostra Penisola, come dimostrato dalle stime di APC.

Tra le regioni italiane, in testa nelle preferenze dei camperisti si piazza la Toscana (36%), scelta per i suoi itinerari magici lungo la via Francigena, da San Gimignano a Monteriggioni, passando per Radicofani e le strade del vino tra Bolgheri e la Maremma, non trascurando le nevi dell'Abetone. Seconda piazza per le Marche (33%), terzo il Piemonte (27%), quarto l'Abruzzo (24%), quinto il Trentino Alto Adige (21%).

Di questo successo della Toscana parla Stefano Ciuoffo, assessore alle attività produttive, al credito, al turismo e al commercio della Regione Toscana. «Da tempo, grazie alla nostra agenzia regionale Toscana Promozione Turistica, stiamo promuovendo le località sciistiche toscane, dall'Amiata e la fascia appenninica all'Abetone, ma al tempo stesso stiamo raccontando le eccellenze e le iniziative nei borghi e nella città d'arte che sono offerte al visitatore nelle vacanze natalizie. Siamo convinti - aggiunge l'assessore - che ci sia una parte della Toscana straordinaria che non è conosciuta ai più, che si percepisce solamente ma non si frequenta. Penso all'Appennino, alla costa e la cresta appenninica, ai parchi del Casentino, alla Garfagnana ma anche ai cammini lungo la Via Francigena. Ci aspettiamo presenze significative grazie all'agroalimentare, uno dei tratti distintivi dell'offerta turistica toscana, unito magari a un soggiorno piacevole alle terme, in un borgo o in una città d'arte, fino al trekking e al cicloturismo, offrendo un quadro completo che solleciti fortemente il visitatore e racconti la piacevolezza della Toscana».

14/12/2018