Enogastronomia/

A “scuola dagli osti” in Lunigiana

Riavvicinare i giovani alle tradizioni

A scuola di osti

Dopo il grande successo del primo degli itinerari di ‘Saperi per il futuro – Ritessere il tempo’, i giovani sono pronti per il secondo appuntamento. Mercoledì, 17 agosto si andrà a ‘scuola di osti’, tra borghi, castelli e osterie.
Il ritrovo è fissato per le 18 a Corneda di Tresana. Seguirà una breve escursione con visita guidata al castello di Tresana, il rientro a Corneda con l’ inaugurazione ufficiale della piazza intitolata a Giuseppe Mazzini. Dopo ci sarà una visita guidata alle storiche cantine nel borgo di Fabio Morelli che racconterà molti curiosi aneddoti storici e infine un colloquio sulla cultura contadina e le osterie nei borghi con Fabio Morelli e Germano Cavalli.
Dopo la degustazione di prodotti contadini in piazza è previsto un intervento musicale popolare con Mattia Ringozzi, voce e chitarra e Davide Giromini alla fisarmonica. Il primo itinerario, che si è svolto a Filattiera era dedicato alla cottura nei testi, ma anche a pani, erbi di campo e all’intreccio del vimine.
I ragazzi coinvolti nel progetto hanno dimostrato ai presenti cosa hanno appreso, cucinando panigacci e torta d’erbi secondo la tradizione, aiutati dai consigli di alcuni anziani. Hanno poi cotto nei testi i panigacci e la torta d’erbi, dispensando le ricette ai turisti presenti, facendo promozione. Hanno inoltre intrecciato il vimine per ricavarne cestini.

Il progetto ‘Saperi per il futuro’ è promosso da ventuno partner della Lunigiana: dieci comuni, due Parchi, la Comunità Montana e otto associazioni. Il comune capofila è Licciana Nardi, assieme a Bagnone, Comano, Filattiera, Fosdinovo, Mulazzo, Podenzana, Tresana, Villafranca in Lunigiana, Zeri. In appoggio hanno aderito la Comunità Montana della Lunigiana, il Parco Nazionale dell’Appennino tosco-Emiliano, il Parco Regionale delle Alpi Apuane e Legambiente, Performa, Coldiretti, CIA, UNPLI, Farfalle in Cammino, Dedalo e Iphigenie.

Ultimo appuntamento per gli itinerari è previsto per sabato, 20 agosto: alle 17,30 ci sarà la visita guidata alle botteghe di Licciana e un laboratorio di tessitura della ‘brandamaglia’ una tecnica molto semplice per imparare a fabbricare cappelli e altro senza spendere, con materiali di recupero, seguita da un aperitivo con vini locali. Non finisce qui perchè ‘Saperi per il futuro’ tornerà all’interno di ‘Castelli di pace’, il festival dei piccoli comuni in rete per la sostenibilità, che quest’anno si svolgerà a Filetto il 10 e l’11 settembre con un denso e ricco programma di attività e manifestazioni come conferenze, mostre concerti e performance. L’ amministrazione Comunale di Licciana Nardi esprime soddisfazione in merito alla riuscita del progetto “Saperi per il Futuro – Ritessere il Tempo” sul quale il Comune ha creduto ed investito dal primo momento, ricoprendo fra l’ altro il ruolo di Comune Capofila.

“L’ obiettivo del progettoha detto Alessandra Ricci, vicesindaco e assessore alla cultura è soprattutto la formazione dei giovani, al fine di creare loro le condizioni che ne assicurino la permanenza sul territorio lunigianese ed al fine di sviluppare la ruralità come valore e come opportunità per valorizzare risorse e specificità del territorio ed espandere il brand Lunigiana, gettando così le basi per una continuità progettuale e formativa che possa generare ricadute occupazionali per i giovani lunigianesi.

Info: info@lunigianasostenibile.it – 3662680172 – www.saperiperilfuturo.it.

Topics:

I più popolari su intoscana