Enogastronomia/

A spasso tra le ricette senesi: otto percorsi per gustare la città

Dal 6 maggio al 24 giugno in programma ogni sabato visite guidate speciali che abbinano i sapori della tradizione ai percorsi ai piedi nel cuore di Siena

Alla scoperta dei sapori e dei tesori di Siena con “A spasso tra le ricette senesi”, la rassegna che ogni sabato, dal 6 maggio e fino al 24 giugno, propone un percorso a piedi nei luoghi più suggestivi della città del Palio abbinato alle ricette delle tradizione popolare.

Il calendario delle visite guidate si aprirà sabato 6 maggio con il percorso dedicato a uno dei più classici antipasti senesi: i crostini con la milza, che saranno l’occasione per andare sulle tracce degli “Uomini e delle donne difficili”, ovvero personaggi della storia senese dalla personalità spiccata, cone Giovanni di Balduccio detto “Il Mangiaguadagni”, il campanaro della Torre del Mangia, oppure Cecco Angiolieri e Duccio di Buoninsegna.

Sabato 13 maggio i trekker avranno l’opportunità di andare alla scoperta del percorso abbinato alla zuppa dei fagioli. Partenza alle ore 18 sempre da Piazza del Campo per il percorso i “Miracoli della miseria” dedicato alle zone che nel Medioevo erano le più povere della città come Salicotto e Ovile. Il calendario dei tour guidati proseguirà sabato 20 maggio con il trekking urbano dedicato all’acqua, elemento che si lega al piatto delle acciughe sotto pesto, che per la sua freschezza richiama l’antico rapporto di Siena con le sue fonti d’acqua. L’appuntamento sarà alle ore 18 in Piazza del Campo per andare alla scoperta delle fonti medievali della città: da Fonte Gaia, all’antica Fonte del Ghetto, passando per Fonte Serena e Fontebranda.

Ai dolci degli speziali sarà dedicato il percorso di sabato 27 maggio che partendo da uno dei dolci classici della cucina senese, come la Pinolata, porterà alla scoperta delle antiche spezierie della città. Sabato 3 giugno appuntamento con un nuovo itinerario dedicato a uno degli antipasti della tradizione: le fette di pane con il cavolo nero. Un piatto delle cucina povera a cui sarà collegato un percorso nei luoghi che hanno ospitato le rivolte del popolo e sono stati teatro dei contrasti tra le famiglie nobili della città. Un viaggio nella storia e tra i personaggi senesi, a partire dalle lotte tra Salimbeni e Tolomei, passando da Via di Salicotto, dove si trova quella che era la finestra della camera delle torture, fino al Vicolo dei Malcontenti, per mostrare il percorso dei condannati a morte, verso Via di Porta Giustizia.

Sabato 10 giugno giornata green con il giro degli orti urbani, delle colonie agricole e delle valli verdi della città che per molti secoli fornirono sostentamento alla popolazione grazie alle loro coltivazioni. Un tour che si lega ai malfatti, o gnudi, che sono appunto a base di spinaci e ricotta. Sempre alle erbe sarà dedicato il percorso di sabato 17 giugno, che partendo dal dragoncello, uno degli ingredienti caratterizzanti le scaloppine alla senese, racconterà gli elementi magici, le storie di santi, amanti e streghe con le loro pozioni e piante dai poteri soprannaturali. Gran finale in dolce compagnia dei ricciarelli che sabato 24 giugno saranno la fonte di ispirazione dell’itinerario alla scoperta dei fasti dell’antica nobiltà senese e i legami di Siena con l’Oriente, da dove, forse, proviene la ricetta dei ricciarelli.

Per informazioni: info@guidesiena.it

I più popolari su intoscana