Cultura/

Addio a Paolo Villaggio: il ricordo dei toscani, da Pieraccioni a Masini

L’attore è deceduto nella notte in una clinica romana. Tanti messaggi d’affetto arrivano dalla Toscana. Veronesi: ‘Ciao Paolo, mi lasci sempre più solo’

Paolo Villaggio

“Non c’è più il grande Villaggio. Fantozzi vive invece sempre un pochino in tutti noi”. Così Leonardo Pieraccioni saluta attraverso l’universo social Paolo Villaggio, deceduto questa notte a Roma, all’età di 84 anni. L’attore era ricoverato da giorni in una clinica della capitale. La notizia è stata confermata dalla figlia del comico, con un post su Facebook. “Ciao papà, ora sei libero di volare”, ha scritto Elisabetta Villaggio che ha pubblicato anche una foto di famiglia in bianco e nero.

A ricordare l’istrionico attore genovese sono stati anche Giovanni Veronesi che ha utilizzato Twitter per il suo omaggio a Villaggio. “Ciao Paolo, mi lasci sempre più solo”, ha twittato il regista toscano. Un messaggio di affetto è arrivato anche dal cantautore Marco Masini che su Facebook ha scritto: “Villaggio se ne è andato… ma Fantozzi rimarrà sempre qui ..con me e con tutti noi …!! Ciao grande Paolo !!!”.

“Ci mancherà moltissimo – ha scritto invece il sindaco di Firenze Dario Nardella. Genio comico, irriverente, con la sua originalità ha fatto ridere tutta l’Italia”. Così il primo cittadino su Twitter. 

Un messaggio di cordoglio è arrivato infine dal ministro dei Beni, attività culturali e Turismo Dario Franceschini. “Autore e attore straordinario e poliedrico – scrive il ministro in una nota – ha attraversato con verve, ironia e profonda intelligenza numerose stagioni del cinema italiano, a partire dall’invenzione letteraria del ragionier Ugo Fantozzi e alla sua trasposizione cinematografica per arrivare all’autorialità di Federico Fellini. Dai testi teatrali a quelli per De André, la sua creatività e la sua inventiva si sono espresse senza limiti e confini. Oggi con lui scompare un grande italiano, un interprete capace di restituirci con la sua comicità surreale e la sua satira irridente un’immagine del Paese in cui tutti, in diverse misure, ci siamo riconosciuti”.

L’eclettico Villaggio è stato anche scrittore, autore e protagonista di una stagione storica dell’intrattenimento, tra grande schermo, radio e tv.  I suoi personaggi, uno su tutti il ragionier Fantozzi, continueranno a vivere per lui. 

I più popolari su intoscana