Attualità/

Banda larga, rescissa la convenzione con Nettare

Dopo le inadempienze della società nelle province di Pisa e Livorno

La Regione Toscana ha deciso di di avviare le procedure di rescissione della convenzione con Nettare, l’operatore che si era aggiudicato i lotti delle province di Livorno e Pisa, nell’ambito del suo progetto per l’estensione della banda larga a tutto il territorio regionale finora escluso. Una decisione maturata dopo aver monitorato continuamente la situazione e aver verificato inadempienze rispetto alla convenzione sia in termini di copertura che di livello del servizio
La decisione di rescindere la convenzione, firmata nel maggio 2008, è stata presa dopo ripetute sollecitazioni e dopo che nel settembre 2009 è stata inviata anche una specifica diffida, poi prorogata il mese successivo.»In questi mesi abbiamo provato a risolvere i problemi con Nettare, con un’attenzione particolare anche alla localizzazione toscana di questo operatore, ma di fatto n on abbiamo potuto che constatare il peggioramento della situazione – sottolinea il vicepresidente Federico Gelli – Adesso la principale preoccupazione è che i cittadini e le imprese non debbano sopportare a lungo disagi e disservizi. Per questo ci siamo già attivate per mettere in piedi soluzioni alternative per garantire in tempi brevissimi un adeguato servizio».
La convenzione con Nettare si inseriva nel progetto “Banda larga nelle aree rurali della Toscana” con cui il governo regionale si è posto l’obiettivo di abbattere il digital divide su tutto il territorio, portando la banda larga ad almeno 200 mila cittadini e 15 mila imprese che ne sarebbero esclusi in base alle dinamiche di mercato. Un obiettivo che sarà completato entro i primi mesi del 2010.

I più popolari su intoscana