Casa: in Toscana nel 2018 sfratti in calo e mercato in ripresa

Pistoia è la provincia con meno incidenza di sfratti, Arezzo, Prato e Pistoia sono quelle in maggiore difficoltà

Per il quarto anno consecutivo si registrano in Toscana sfratti in calo, mercato immobiliare in ripresa e costante diminuzione delle domande per l'assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica (Erp). Sono questi i dati che emergono dal settimo Rapporto sulla condizione abitativa in Toscana, redatto dall'Osservatorio sociale regionale (Osr). Nel 2018, è evidenziato dallo studio, si registra un calo del 16,1% delle domande presentate rispetto al 2017 (-18,9% per le domande ammesse), dato ancora più significativo se confrontato con quello del 2015 (-27,4% per le domande presentate e -32% per quelle ammesse).

"Stringendo i controlli - ha affermato l'assessore regionale all'Urbanistica Vincenzo Ceccarelli - e rendendo più rigoroso l'Isee e le verifiche sulle proprietà immobiliari, che devono essere dichiarate, c'è stata una riduzione importante delle richiesta di ingresso in graduatoria", risultato dell'applicazione della legge del 2015 per la disciplina dell'assegnazione alloggi Erp "che sta dando i suoi frutti - ha proseguito l'assessore - e da cui partiremo per approvare la nuova legge entro la fine dell'anno". Nelle domande ammesse i nuclei italiani risultano i principali (58,3%), crescono nel primo 20% delle graduatorie (66,3%) e nelle assegnazioni (77,4%). I nuclei di cittadinanza straniera sono invece mediamente in graduatoria più bassa rispetto a quelli italiani. Nel primo 20% delle graduatorie sono il 33,7%; nelle assegnazioni effettive il 22,6%.

Tra gli altri indicatori positivi, ha spiegato Ceccarelli, c'è "la ripresa del mercato immobiliare, che non solo segna un +6% rispetto all'anno precedente, ma è il quarto anno che mostra il segno positivo, quindi è la conferma che si va strutturando una ripresa del comparto edilizio immobiliare". Significativo anche il calo degli sfratti, sia quelli richiesti, 10.614 (-12%), che in esecuzione, 3.194 casi (-6,9%). Pistoia si conferma la provincia con minore incidenza di sfratti (uno ogni 1.265 famiglie), mentre Arezzo, Prato e Pisa sono quelle con situazioni di maggiore difficoltà. Per quanto riguarda l'edilizia residenziale pubblica, nel 2017 sono stati consegnati circa 1.000 alloggi, in lieve aumento rispetto all'anno precedente.

"La Regione - ha aggiunto l'assessore - ha considerato e considera prioritarie e centrali le politiche per le abitazioni e l'Erp: le risorse che abbiamo avuto dallo Stato per il periodo 2015/19 ammontano a 28 milioni per la ristruttuazione di immobili, e nelle settimane scorse sono arrivati altri 18 milioni di euro stanziati dal precedente governo per i prossimi anni; in questi ultimi due anni la Regione ha messo a disposizione per costruzione nuovi alloggi 46,5 milioni, a cui si aggiungeranno altri 10/15 entro fine anno". Il 2019, ha concluso Ceccarelli, sarà "l'ultimo anno del triennio nel quale ci siamo dati l'obiettivo di dare 100 milioni per costruire nuovi alloggi Erp".

26/10/2018