Enogastronomia/

Castagne, tartufo, vino: 5 sagre d’autunno imperdibili in Toscana

Da San Miniato all’Amiata ecco cinque feste autunnali dedicate ai prodotti del bosco e ai sapori della tradizione

Dalle castagne al tartufo, la Toscana festeggia l’arrivo dell’autunno con tante sagre dedicate ai sapori del bosco: ecco cinque feste da non perdere per gustare i sapori della tradizione.
Partiamo da San Miniato, dove torna la grande Mostra Mercato del Tartufo Bianco, che animerà il borgo per tre weekend: il 10,11, 17, 18, 24 e 25 novembre. Le strade del centro storico saranno un laboratorio del gusto a cielo aperto, con tanti stand dedicati al tartufo e ai prodotti tipici locali, mentre la cucina scenderà in piazza con l’Officina del Tartufo, dove gli chef proporranno dal vivo i loro piatti a base del prezioso fungo. Quest’anno inoltre sarà inaugurata la Via del Tartufo, un percorso che si snoderà tra San Miniato e le sue colline, tra boschi, botteghe e ristoranti.

Per chi ama la montagna e i suoi sapori, da non perdere il Crastatone di Piancastagnaio, la più antica festa dell’Amiata dedicata alla castagna, regina dell’autunno, e deriva dal termine dialettale “crastate” che significa caldarroste. La sagra si terrà da mercoledì 31 ottobre a domenica 4 novembre e sarà l’occasione per assaggiare i piatti e i dolci della tradizione a base di castagne, nelle cantine sparse per il borgo che offriranno anche vino, piatti tipici maremmani e intrattenimento musicale.

sfoglia la gallery

Storica anche la Sagra delle Castagne di Marradi, nel cuore del Mugello, che torna per la sua 55ima edizione nelle domeniche del 7, 14, 21 e 28 ottobre. Tanti gli stand dove gustare le delizie a base del celebre marrone di Marradi, come i tortelli di marroni, la torta di marroni e ovviamente i “bruciati”, ovvero le caldarroste, mentre al ristorante della festa proporrà i piatti tradizionali come la polenta ai funghi porcini.
Domenica 14 ottobre inoltre si può raggiungere Marradi viaggiando su un treno a vapore d’epoca che parte da Pistoia e percorre la Faentina, con fermate a Prato e Firenze.

È dedicata invece al vino novello la Festa delle Cantine di Sorano, che torna nell’affascinante borgo tufaceo dal 31 ottobre al 4 novembre. Nelle cantine scavate nel tufo protagonisti saranno i piatti della cucina maremmana, accompagnati da musica dal vino, mercatino artigianale e naturalmente vino.

Per finire a San Giovanni d’Asso nei weekend 10, 11 e 17, 18 novembre si tiene la Mostra Mercato del Tartufo Bianco delle Crete Senesi, dedicata al “diamante bianco” delle Crete.
In programma degustazioni, menù speciali a base di tartufo, ma anche la possibilità di andare a cercarlo nei boschi e tanti eventi speciali. Per l’occasione inoltre si potrà raggiungere il borgo viaggiando sul Treno Natura, il convoglio d’epoca a vapore, con partenza e ritorno da Siena l’11 novembre e partenza e ritorno da Grosseto il 18 novembre.

I più popolari su intoscana