Conte, la Fase 2 dal 4 maggio. Il piano entro il weekend. Lavoro/Trasporti/Regioni

Il premier annuncia un 'articolato programma' per la ripartenza ma richiama anche alla prudenza. Poi spiega che il programma della Fase 2 dovrà avere un'impronta nazionale anche se verrà tenuto conto delle peculiarità territoriali

'Un articolato programma' - così il premier Giuseppe Conte in un lungo post su Facebook ha definito il piano per la progressiva ripartenza dell'Italia che dovrebbe presumibilmente prendere il via dal prossimo 4 maggio. Piano che sarà presentato - ha spiegato il presidente del Consiglio - 'entro questo fine settimana' anche se ribadisce  l'importanza di agire con cautela. 

'Mi piacerebbe poter dire: riapriamo tutto. Subito. Ripartiamo domattina - scrive - ma sarebbe irresponsabile. Farebbe risalire la curva del contagio in modo incontrollato e vanificherebbe tutti gli sforzi che abbiamo fatto sin qui. Tutti insieme".

Dunque ripartenza sì, ma graduale. Conte ha spiegato che il programma della Fase 2 "deve avere un'impronta nazionale, perché  'deve riorganizzare il lavoro, ripensare le modalità di trasporto e dare nuove regole per le attività commerciali. "Dobbiamo agire sulla base di un programma nazionale, che tenga però conto delle peculiarità territoriali'

Le decisioni spettano alla politica - Le decisioni sulla riapertura non possono essere demandate agli esperti anche se - ricorda Conte - 'ci offrono una preziosa base di valutazione'. 'Ci assumeremo la responsabilità delle decisioni, che spettano al Governo come abbiamo sempre fatto: con coraggio, lucidità, determinazione". Conte ha ribadito poi che il Governo ha messo al primo posto la tutela della salute dei cittadini, ma 'non è affatto insensibile all'obiettivo di preservare l'efficienza del sistema produttivo' e oggi - mentre lavora giorno e notte con la task force per l'emergenza - precisa che 'in questa fase non possiamo permetterci di agire affidandoci all'improvvisazione. Non possiamo abbandonare la linea della massima cautela, anche nella prospettiva della ripartenza. Non possiamo affidarci a decisioni estemporanee pur di assecondare una parte dell'opinione pubblica o di soddisfare le richieste di alcune categorie produttive, di singole aziende o di specifiche Regioni. L'allentamento delle misure deve avvenire sulla base di un piano ben strutturato e articolato'.

Lavoro e trasporti - Ad ora sembrano maggiori le domande rispetto alle risposte. Sono le stesse che si pone il presidente del Consiglio rispetto al prossimo 4 maggio. Riguardo a lavoro e trasporti si interroga su alcune questioni: la valutazione delle percentuali di chi usa i mezzi pubblici, i mezzi privati, in quali orari, con quale densità. 'Come possiamo garantire all'interno dei mezzi di trasporto la distanza sociale? - si chiede Conte. Come possiamo evitare che si creino sovraffollamenti, le famose "ore di punta"? Come favorire il ricorso a modalità di trasporto alternative e decongestionanti?'.  Poi la questione della sicurezza sui luoghi di lavoro. 'Non possiamo limitarci a pretendere, da parte della singola impresa, il rispetto del protocollo di sicurezza nei luoghi di lavoro che pure abbiamo predisposto per questa epidemia. Dobbiamo valutare anche i flussi dei lavoratori che la riapertura di questa impresa genera'. 

 

21/04/2020