Il coronavirus non ferma le biblioteche della Toscana

No alla chiusura, ma flussi da regolamentare. Ecco le raccomandazioni dell'assessore alla cultura. Intanto la biblioteca digitale gratuita 'Media Library Online' invita i bimbi alla lettura (da casa)

«Non è possibile interrompere servizi come quello bibliotecario, ma a causa dell’emergenza Coronavirus gli accessi da parte degli utenti devono essere contingentati e flussi regolati». Inizia così la lettera che l’assessore regionale alla cultura, Monica Barni, ha inviato alle biblioteche e alle reti documentarie della Toscana.

Dopo aver ricordato come «sono sospese le manifestazioni, gli eventi e gli spettacoli di qualsiasi natura, ivi inclusi quelli cinematografici e teatrali, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato, che comportano affollamento di persone tale da non consentire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro», l’assessore sottolinea che le biblioteche nell’erogare i loro servizi devono osservare in particolare tre raccomandazioni.

La prima riguarda il rispetto di tutte le misure igienico-sanitarie di prevenzione raccomandate per l'accesso ai servizi pubblici (distanze, disponibilità all'ingresso di sostanze disinfettanti, di guanti per lo staff) e le istruzioni a staff e utenti relativamente alle raccomandazioni per la riduzione dell’esposizione e della trasmissione della possibile malattia, così come indicato dal Ministero della Salute e dalla Regione Toscana.

La seconda concerne l’apertura dei servizi indispensabili di base quali il prestito, la restituzione e il prestito interbibliotecario, che vanno garantiti adottando e incentivando tutte quelle misure che consentano di evitare assembramenti all’ingresso della biblioteca e al bancone del servizio di prestito, come ad esempio la prenotazione telefonica o via mail, l’autoprestito, assicurando la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro tra utenti e tra questi e lo staff.

La terza infine raccomanda che nel caso in cui la biblioteca sia in grado di garantire il rispetto della distanza di sicurezza tra le sedute di almeno un metro, l’apertura regolare degli spazi di studio e di lettura (o parti di essi) deve avvenire nel rispetto di cui al primo punto e secondo le modalità più opportune per tutelare la salute degli utenti e dei bibliotecari.

Esiste inoltre un'altra possibilità: ovvero video letture on-line per bambini negli stessi orari in cui erano fissate dal vivo (domenica alle 16.30 e martedì alle 17). La biblioteca digitale gratuita "Media Library Online" offre questo e altro: è consultabile comodamente dal divano di casa, il prestito locale e interbibliotecario sempre attivo sette giorni su sette (rispettando le indicazioni all’ingresso per tutelare la salute di tutti), ha un numero di telefono e un’email dedicati a chi chiede informazioni.

Con l'hashtag #LaBibliotecaNonSiFerma sono raccolte le iniziative e i servizi organizzati per i cittadini che hanno la tessera della biblioteca, in questo periodo in cui le sale studio non sono accessibili e gli eventi programmati sono sospesi per il contenimento dell’emergenza sanitaria Covid-19. A organizzare il prestito e i servizi on-line è il personale della biblioteca di Scandicci, in accordo con l’assessorato alla cultura del Comune di Scandicci.

Come comunicato fin dall’inizio, i servizi di prestito locale e interbibliotecario sono attivi sette giorni su sette presso la sede di via Roma 38/a: i cittadini possono chiedere libri, dvd, riviste, cd, giochi da tavolo chiedendoli al front office all’ingresso, rispettando le indicazioni per la tutela della salute propria e dei bibliotecari.


Approfondimenti
Media Library
Coronavirus: domande e risposte
Coronavirus - Regione Toscana
Covid-19 e biblioteche

07/03/2020