Salute/

Coronavirus: 3 nuovi casi sospetti in Toscana, gli altri in via di guarigione

Si tratta di un 70enne in Lunigiana, una cittadina di Codogno che si trova a Carrara e una giovane fiorentina che nei giorni scorsi è andata a Milano

Coronavirus

Sono tre i nuovi casi di positività al Coronavirus registrati tra venerdì sera e sabato mattina in Toscana. Tutti sono in attesa di validazione da parte dell’Istituto superiore di sanità, ma per loro sono scattate le misure di prevenzione. Nel primo caso si tratta di un settantenne di Albiano Magra (Aulla, Lunigiana), un musicista che si è recato per un concerto a Codogno. Dopo il suo rientro si è messo in autoisolamento domiciliare dove si trova tutt’ora. Il tampone effettuato su di lui è positivo. Al momento accusa uno stato febbrile, ma le sue condizioni sono buone.

Il secondo nuovo caso si è registrato a Carrara. Si tratta di una 65enne di Codogno arrivata nella città apuana dove possiede una seconda casa. La signora, giunta in auto, è sempre rimasta all’interno del proprio domicilio carrarino. Al momento ha tosse e un leggero stato febbrile, ma ieri sera il suo tampone è risultato positivo. È scattata la profilassi prevista, ma in questo caso, non avendo avuto ulteriori contatti con altri, non è necessario ampliare il raggio degli accertamenti.

Il terzo nuovo caso è quello di una giovane fiorentina che quattro giorni fa si è recata a Milano. Al rientro il suo tampone è risultato positivo. Attualmente è ricoverata nel reparto malattie infettive del presidio fiorentino di Ponte a Niccheri, dove verrà sopposta ad alcuni esami e ad una radiografia. Nel frattempo è scattata l’indagine epidemiologica tesa ad individuare i contatti che ha avuto in questi giorni.

Pazienti stabili e in via di guarigione
È stabile la situazione relativa agli altri casi già accertati, a partire dal primissimo caso di positività in Toscana: le condizioni dell’imprenditore fiorentino ricoverato a Firenze nel presidio di Ponte a Niccheri, risultano infatti stazionarie. Il suo vicino di casa, di origini brasiliane, è ricoverato a Careggi in isolamento nel reparto di malattie infettive. Sta bene, è asintomatico e anche per lui si è in attesa della validazione da parte dell’Istituto superiore di sanità ed è possibile un suo invio a breve al suo domicilio, dove continuerebbe ad essere essistito.
È sempre ricoverato nel reparto di malattie infettive dell’ospedale S. Jacopo di Pistoia, il pesciatino, il primo paziente guarito. Viene comunque trattenuto in ospedale, a scopo precauzionale. Stanno migliorando le condizioni dello studente 26enne norvegese ricoverato a Ponte a Niccheri. Continua con l’isolamento domiciliare e non ha più febbre il 44enne di Torre del Lago rientrato con positività da Vò, in Lombardia.

La situazione della squadra di calcio Pianese
Nella Toscana del sud sono tre i soggetti positivi: il calciatore 23enne della Pianese (la squadra di Piancastagnaio) che è, stabile, in isolamento domiciliare. Poi c’è l’altro calciatore, che è invece ricoverato al Policlinico Le Scotte di Siena le cui condizioni sono stazionarie. Infine il sessantenne magazziniere della squadra che si trova ricoverato nello stesso reparto e le cui condizioni sono al momento buone e stabili.

921 persone in isolamento in tutta la Toscana
Dal monitoraggio giornaliero risulta che in Toscana ci sono oggi 921 persone in isolamento domiciliare di cui 443 prese in carico attraverso i numeri dedicati attivati da ciascuna Asl. Si tratta di 202 casi nella Asl centro (Firenze – Empoli – Prato – Pistoia), di 120 casi nella Asl nord ovest (Lucca- Massa Carrara- Pisa – Livorno) e di 121 casi in quella sud est (Arezzo – Siena- Grosseto).

Rinviata la partita Udinese-Fiorentina
Udinese-Fiorentina non si disputerà più a porte chiuse sabato alle 18, bensì sarà recuperata il 13 maggio prossimo come le altre gare che la Lega Calcio aveva inizialmente disposto si giocassero senza pubblico a causa dell’emergenza per il corona virus. La decisione è arrivata poco dopo mezzogiorno, dopo che la regione Friuli Venezia Giulia, attraverso il Governatore Massimiliano Fedriga, aveva nuovamente chiesto il rinvio della partita. Oltre alla sfida della Dacia Arena saranno dunque recuperate a maggio le gare Juventus-Inter, Parma-Spal, Milan-Genoa e Sassuolo Brescia oltre allo spostamento della finale di Coppa Italia al 20 maggio. La Fiorentina, che subito dopo il comunicato della Lega ha organizzato il viaggio di ritorno a Firenze, ha preso atto della decisione pur essendosi opposta al rinvio a lunedì o all’11 marzo, altre date originariamente prese in considerazione per il rinvio.

Firenze, musei civici aperti contro la ‘paura’
Per dare un ulteriore segnale di apertura e di fiducia, oltre a confermare tutti gli spazi culturali, musei, cinema, mostre, biblioteche aperti, il sindaco di Firenze Dario Nardella e l’assessore alla cultura Tommaso Sacchi hanno deciso di aprire per tre giorni i musei civici gratuitamente a tutti. «Dal 6 all’8 marzo – spiegano – vogliamo lanciare un week end di apertura gratuita di tutti i nostri musei civici, da Palazzo Vecchio alla cappella Brancacci al museo Novecento. Cittadini fiorentini e turisti potranno approfittare di questa occasione e ritrovare nei nostri musei l’entusiasmo dell’essere comunità contro la paura».

INFO UTILI
Il numero verde istituito dalla Regione Toscana per fornire indicazioni sui percorsi e le iniziative sul tema del coronavirus è il seguente: 800 556060 (attivo dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 18). Esiste poi il numero di pubblica utilità: 1500 (attivo 24 ore su 24).
Per dichiarare di essere stati in Cina, i numeri da chiamare (attivi dalle 8 alle 20, anche con operatore e interprete cinese) sono questi: Asl Toscana centro (Firenze, Prato, Pistoia, Empoli) 055 5454777; Asl Toscana nord ovest (Pisa, Livorno, Lucca, Massa Carrara, Viareggio) 050 954444; Asl Toscana sud est (Arezzo, Grosseto, Siena) 800 579579.
Per maggiori informazioni, consultare la pagina dedicata al coronavirus sul sito di Regione Toscana all’indirizzo: www.regione.toscana.it/-/coronavirus

 

I più popolari su intoscana