Cultura/

Cose da Pazzi: Simone Cristicchi, Carlo Monni e Alessio Lega

Da giovedì 11 a sabato 13 novembre, Sesto Fiorentino. Tre giorni di musica, teatro, incontri, performance nel 30° anniversario della legge Basaglia. Istituto Ernesto De Martino e Fra(m)menti di luna verde. Ingresso gratuito.

Simone Cristicchi, che dopo la collaborazione con i Minatori di Santa Fiora è riuscito a scuotere il pubblico di Sanremo con il brano più provocatorio dell’edizione 2010, “Meno Male”, venerdì 12 novembre alle 21.15 porterà al Cinema Grotta (via Gramsci 387, ingresso gratuito) lo spettacolo “Lettere dal manicomio”. Le canzoni più toccanti del cantautore romano, venate di pungente ironia, si alterneranno alla messa in scena di alcune lettere degli internati dell’Ospedale San Girolamo di Volterra: piece di teatro-canzone interpretata insieme agli attori Tommaso Taddei ed Emilio Terreni (Gogmagog).

Il più strabordante poeta popolaresco della Toscana, Carlo Monni, sabato 13 novembre si esibirà invece al Teatro della Casa del Popolo Unione Operaia di Colonnata (piazza Rapisardi) nello spettacolo musical-teatrale “Notte Campana”, dedicata all’opera e alla follia di Dino Campana. Ad accompagnarne le parole, declamate e cantate, saranno i fedelissimi Orio Odori, Arlo Bigazzi e Giampiero Bigazzi.

Apre la serata il cantautore Alessio Lega (Targa Tenco Migliore Opera Prima nel 2004) con lo spettacolo/progetto “E ti chiamarono matta” (prodotto da Giovanna Marini per i Dischi del Sole): canzoni scritte quarant’anni fa dallo psichiatra/cantautore Gianni Nebbiosi, eseguite insieme al polistrumentista Rocco Marchi e al contrabbasso di Francesca Baccolini.

E ancora, giovedì 11 novembre al Teatro della Casa del Popolo Unione Operaia di Colonnata (ore 21.15) la compagnia “Sezione B” di Federico Mazzinghi, Giacomo Rosa, Francesca Viliani e Mirko Risaliti presenterà il cortometraggio “I fiori di Aquilegia” (una seduta di gruppo nel manicomio cittadino). A seguire, spettacolo teatrale a cura dell’Associazione Fra(m)menti di luna verde, “Trent’anni di solitudine, ovvero, un Basaglia fu primavera”, percorso di musica e parole visto dalla parte dei pazienti, con la “normalità” a fare da sfondo.

Sabato 13 novembre, dalle 9.30 alle 11.30, nella Sala Pilade Biondi del Comune di Sesto Fiorentino (piazza Vittorio Veneto), si svolgerà “Trent’anni dopo”, convegno a cura del Centro Salute Mentale – MOM 7 di Sesto Fiorentino, Fiesole e Vaglia. Un’occasione per fare il punto sui servizi del territorio a trent’anni dalla chiusura dei manicomi.

Sempre sabato 13, dalle 11.30, “La Carovana dei Folli”, microinterventi itineranti nei luoghi storici della psichiatria a Sesto Fiorentino. La carovana partirà da piazza Vittorio Veneto guidata da attori e pazienti della Compagnia Teatrale Papalagi, nata dall’esperienza dei laboratori teatrali attivati dal Centro di Salute Mentale di Fornaci di Barga e dall’Associazione Fra(m)menti di luna verde. Il percorso si chiuderà alle 13 in piazza Rapisardi, all’interno dell’Unione Operaia verrà offerto un pranzo buffet.

«La legge 180 – affermano gli organizzatori – ha permesso al territorio di riappropriarsi della follia, che è parte anch’essa del vivere comune. Togliendo l’internamento, non abbiamo risolto il problema della malattia mentale, ma abbiamo riammesso con diritto di cittadinanza nelle nostre strade e piazze, la diversità, che prima era oscurata e negata in qualche angolo lontano delle nostre menti, delle nostre case. E dopo trent’anni vogliamo far irrompere tra le strade, come un Marco Cavallo di basagliana memoria, la certezza che pur tra mille difficoltà e problemi, la libertà è un valore irrinunciabile per tutti, e che la differenza e il confronto rendono gli uomini migliori».

Articolo di Marco Mannucci

Cose da Pazzi
I matti S I A M O tra noi
Da giovedì 11 a sabato 13 novembre
Sesto Fiorentino – Firenze
Info tel. 055/421.19.01 – www.iedm.it
Ingresso libero

Topics:

I più popolari su intoscana