Musica/

Douglas, Caine, Potter e Bortone al Valdarno Jazz Winter Festival

Concerti, guide all’ascolto, proiezioni di film a tema e incontri per la ventisettesima edizione diretta da Daniele Malvisi e Gianmarco Scaglia

Ada Montellanico

Dal 30 gennaio al 22 marzo torna nei comuni del Valdarno, tra Firenze e Arezzo, il Valdarno Jazz Festival – Winter Edition. La ventisettesima edizione propone sei concerti, oltre a un ciclo di guide all’ascolto, proiezioni di film a tema e incontri per indagare i territori del jazz e affini. Nel programma spiccano le stelle del jazz internazionale, quali il trombettista Dave Douglas, in duo con il pianista Uri Caine (27 febbraio, Terranuova Bracciolini, Le Fornaci); il quartetto del sassofonista Chris Potter, in esclusiva italiana (22 marzo, San Giovanni Valdarno, Teatro Masaccio); il progetto “Travelers” del contrabbassista Matteo Bortone, che ha appena vinto il premio quale Miglior nuovo talento italiano al Top Jazz 2015, referendum indetto dalla rivista Musica Jazz (14 febbraio, Montevarchi, La Ginestra).

Inoltre il 30 gennaio a Terranuova Bracciolini si terrà il Valdarno Jazz Collective, con la rivisitazione originale di brani di Michel Petrucciani, Charles Mingus e Stevie Wonder (Le Fornaci); un omaggio al genio di Billie Holiday, firmato dalla cantante Ada Montellanico e dal suo quartetto (5 febbraio, Terranova Bracciolini, Le Fornaci) e il quartetto del sassofonista Pasquale Innarella (21 febbraio, Montevarchi, La Ginestra).

Il festival è diretto dai musicisti Daniele Malvisi e Gianmarco Scaglia, in collaborazione con Music Pool, Valdarno Culture, Fondazione Toscana Spettacolo onlus per il concerto di Chris Potter. Valdarno  Jazz è inserito nel circuito I-Jazz e Network sonoro.

Prevendite su circuito box office, su ticket one, e su www.eventimusicpool.it
Per ulteriori informazioni: valdarnojazzfestival.wordpress.com, 055240397

I più popolari su intoscana