Cultura/

Ferragosto lontano dalla città: qualche idea per il divertimento di grandi e piccoli

Dalla versione breve della via degli Dei, adatta anche ai camminatori meno esperti, al parco di Collodi con tappa allo splendido giardino di Villa Garzoni: ecco come trascorrere Ferragosto tra le bellezze fuori porta della Toscana con tutta la famiglia

Giardini Garzoni - © Grandi Giardini Italiani

E c’è chi almeno per il week end di Ferragosto vuole stare alla larga dal traffico, dai rumori della città, dallo stress quotidiano. Mettere chilometri tra se stesso e il mondo urbanizzato, chilometri magari da percorrere a piedi, in mezzo alla natura, permettersi il lusso di non correre, di camminare lentamente, almeno per uno, due giorni al massimo.

Convivere con Lucifero, l’anticiclone, che pare che almeno fino a dopo Ferragosto resterà con noi, è anche sicuramente più semplice se a rinfrescarci ci sono le cascate del Diborrato o del Santerno.

Vi proponiamo qui delle idee, degli itinerari brevi per trascorrere un week end di Ferragosto all’insegna del relax, della natura ma anche della spensieratezza e del divertimento per grandi e piccoli.

Per un Ferragosto “lento”

Se pensate che due giorni di cammino non facciano per voi perché non vi sentite camminatori esperti, sappiate che la Toscana è una terra così ricca di possibilità per gli amanti del turismo lento che è facile trovare itinerari semplici che nulla hanno da invidiare a percorsi più lunghi e articolati.

Avrete sicuramente sentito parlare della Via degli Dei, percorso che collega Bologna a Firenze sulle antiche orme dei pellegrini. L’itinerario oggi è molto rinomato, e si consiglia di svolgerlo in una settimana, ma su Visittuscany, il portale ufficiale della “destinazione Toscana” potete trovare la versione short.

In due giorni, avvalendosi anche dei mezzi di trasporto pubblico, bus e treno, è possibile entrare a contatto con la natura e la storia di questo cammino che si perde nelle tradizioni del Mugello attraversando borghi splendidi e ricchi di storia e curiosità, che sapranno deliziare occhio e palato.

Alla scoperta di Collodi

Un’alternativa al trekking in Mugello, pensato soprattutto per i più piccoli, è una gita fuori porta a Collodi in Valdinievole.

Il Parco tematico dedicato a Pinocchio sarà aperto anche nel giorno di Ferragosto e dopo aver fatto divertire i piccoli, i più grandi potrebbero concedersi un po’ di relax nell’incantevole Giardino Garzoni, giardino della Villa omonima, una sorta di teatro con labirinti, giochi d’acqua e fontane. È qui che si racconta abbia trascorso l’infanzia Carlo Lorenzini, padre di Pinocchi, mentre il padre lavorava nella villa come giardiniere e pare Loenzini scelse Collodi come pseudonimo proprio per l’amore verso Villa Garzoni, indubbiamente uno dei luoghi più suggestivi da visitare d’Italia .

Adrenalina in Garfagnana

Per gli appassionati dell’adrenalina come non citare la Garfagnana con i suoi parchi avventura, con i suoi borghi e i suoi castelli arroccati.

Se incuriositi dalla storia della città fantasma, voleste spingervi fino a Vagli, dopo una divertente zip line, potreste concedervi una passeggiata fino alla scoperta dell’Eremo di San Viviano, esempio di costruzione d’abrì situato in una posizione dominante la valle Arnetola, una passeggiata che regala al visitatore anche splendide vedute sulle Apuane.

I più popolari su intoscana