Cultura/

Firenze: Museo Opera del Duomo Visita gratis per il compleanno

Dal 6 marzo il nuovo spazio museale sarà visitabile gratuitamente per i fiorentini il giorno del loro compleanno. Tre giorni alla settimana il museo rimarrà aperto al pubblico fino alle 21

Museo dell’Opera del Duomo, la sala dela Cupola del Brunelleschi

Visita al museo come regalo di compleanno. Da domenica 6 marzo, i fiorentini potranno visitare gratuitamente il nuovo Museo dell’Opera del Duomo nel proprio giorno natale.

E’ una delle nuove iniziative che l’Opera di Santa Maria del Fiore ha messo a punto per i residenti della città di Firenze. Inoltre, per tre giorni alla settimana (lunedì, venerdì e sabato), il museo allungherà il proprio orario di apertura dalle 19 alle 21, e il biglietto unico – che permette di visitare il museo e gli altri monumenti del Duomo – già dal primo marzo è diventato valevole 48 ore invece che 24 dal primo ingresso.

Sempre per i fiorentini, a breve, sarà disponibile anche la card ‘Amici del grande museo del Duomo’ che da diritto a visitare il museo e gli altri monumenti del complesso di Santa Maria del Fiore tutto l’anno. Il costo è di 50 euro contro le 15 di un normale ingresso.

Il nuovo museo, aperto al pubblico solo quattro mesi fa, conserva la maggiore collezione al mondo di scultura del Medioevo e del Rinascimento fiorentino: 750 opere tra statue e rilievi in marmo, bronzo e argento, tra cui capolavori dei maggiori artisti del tempo. Il nuovo e spettacolare allestimento valorizza capolavori unici al mondo come la Pietà di Michelangelo, la Maddalena e i Profeti di Donatello, le Cantorie di Luca della Robbia e Donatello, le leggendarie Porta del Paradiso e la Porta Nord di Lorenzo Ghiberti del Battistero d Firenze.

Al centro del museo la spettacolare Sala del Paradiso (36 metri x 20 x 20), dove su un lato è stato realizzato un colossale modello (in resina e polvere di marmo) in scala 1:1 dell’antica facciata del Duomo realizzata da Arnolfo di Cambio a partire dal 1296, mai finita e distrutta nel 1587. Davanti sono collocate 40 statue del Tre e primo Quattrocento originariamente realizzate per la facciata da artisti quali Arnolfo di Cambio, Donatello e Nanni di Banco.

 

[foto by Claudio Giovannini]

Topics:

I più popolari su intoscana