Tradizioni: la Giostra del Saracino torna in Piazza Grande ad Arezzo

Sabato 22 giugno si terrà la 138ima edizione della storica manifestazione: Intoscana.it racconterà la giornata in diretta su Instagram

Appuntamento sabato 22 giugno con la 138ima edizione della Giostra del Saracino, la più importante  manifestazione folkloristica di Arezzo che può vantare origini antichissime. Il torneo infatti era organizzate già nel Medioevo e descrtitto da Dante Alighieri nella Divina Commedia.

La festa inizia alle 19, quando i figuranti del grande corteo storico si riuniscono in Piazza San Domenico e da lì raggiungono il Duomo, sfilando per via Sassoverde e via Ricasoli, accompagnati dall'esibizione degli sbandieratori e dal suono delle chiarine del Gruppo Musici della Giostra del Saracino. Una volta arrivati al Duomo c'è la benedizione del Vescovo e il corteo riparte alla volta di Piazza Grande dove si corre la gara alle 21.30.

Giostra del Saracino
Giostra del Saracino

A contendersi la Lancia d’Oro, l’ambito trofeo realizzato in legno di noce, tiglio o acero, sono i quattro quartieri in cui è divisa Arezzo: il Quartiere di Porta Crucifera, il Quartiere di Porta del Foro, il Quartiere di Porta Sant'Andrea e il Quartiere di Porta Santo Spirito. Ogni rione schiera due giostratori (o "cavalieri") e ha diritto a due carriere. Il cavaliere si lancia contro il Buratto, un fantoccio metallico, caricato a molla e dotato di uno scudo nella mano sinistra e armato di mazzafrusto nella destra.

Quest'anno la Lancia d'Oro è composta di facciate di vetro dipinte a mano, realizzata dall’artista aretina Olimpia Bruni in onore del pittore Pietro Benvenuti, di cui ricorrrono i 250 anni della nascita.
Intoscana.it seguirà la Giostra del Saracino e la racconterà in diretta nelle Stories del canale Instragram.

17/06/2019