Cultura/

Il Museo Novecento chiude il 2018 aprendo cinque nuove mostre

Dai presepi di Maria Lai alle sculture di Medardo Rosso fino ai progetti di Leonardo Ricci e non solo: un sempre maggiore turn-over di mostre e una sala che aggiunge spazio alla superficie espositiva

Leonardo Ricci

Il Museo Novecento a Firenze apre la stagione invernale con cinque nuove mostre temporanee e un ampliamento della superficie espositiva. Una grande offerta per il pubblico: quattro nuovi capitoli di progetti espositivi già avviati e una novità, la mostra che prende casa nello spazio Room, la nuova sala fresca di inaugurazione al piano terra.

La prima delle cinque nuove mostre, che aprono al pubblico all’unisono il 20 dicembre, è “Solo. Medardo Rosso”, che finalmente torna a Firenze dopo cento anni dall’ultima grande mostra dedicata all’artista. È lui il protagonista del progetto monografico esposto fino al 28 marzo 2019 che vede esposte al secondo piano del Museo una selezione di lavori dell’artista torinese, il più grande scultore italiano della Modernità.

Il nuovo spazio al piano terra, la sala Room ospita invece i “presepi” di Maria Lai in una mostra intitolata “L’anno zero”. Un omaggio a questa protagonista silenziosa dell’arte contemporanea con i suoi presepi in terracotta, pietre, stoffa e legno, uno dei temi più cari all’artista, fino al 28 marzo.

Undici gli artisti protagonisti de Il disegno del disegno fino al 28 febbraio 2019 terza tappa del progetto ideato dal direttore del Museo, Sergio Risaliti, e dedicato alla pratica più antica dell’arte. La mostra, curata da Saretto Cincinelli e allestita nelle sale del primo piano, indaga la pratica e il gesto del disegno a partire dal lavoro di undici artisti maturati a ridosso della fine del Novecento e nei primi anni del XXI secolo. In mostra opere di: Massimo Bartolini, Emanuele Becheri, Chiara Camoni, Antonio Catelani, Giulia Cenci, Daniela De Lorenzo, Carlo Guaita, Paolo Meoni, Margherita Moscardini, Andrea Santarlasci, Massimiliano Turco. 

Torna anche Paradigma. Il tavolo dell’architetto, progetto ideato da Risaliti in collaborazione con Tommaso Sacchi e curato da Laura Andreini dedicato di volta in volta ad un architetto chiamato a raccontarsi al pubblico. Dopo Mario Cucinella, Gianluca Peluffo e Benedetta Tagliabue, è la volta di Leonardo Ricci, allievo di Giovanni Michelucci e protagonista della ricostruzione della Firenze post-bellica, che sbarca al Museo Novecento nell’anno in cui si celebrano i 100 anni dalla nascita dell’architetto. I suoi lavori, selezionati grazie alla collaborazione di Giovanni Bartolozzi, Claudio Carafa e Clementina Ricci, saranno visibili al pubblico fino al 28 marzo 2019.

Nuova messinscena per The Wall, la grande “mostra verticale” lunga 12 metri che questa volta è un vero e proprio progetto artistico site specific a firma di Matteo Coluccia, giovane artista in residenza artistica alla Manifattura Tabacchi di Firenze. Sergio Risaliti e Luca Scarlini hanno collaborato con l’artista all’ideazione del progetto che vede protagonista il 1968, anno di cambiamenti e rivoluzioni, al ritmo di slogan che risuonano nelle celebrazioni del cinquantesimo anniversario, fino al 28 marzo.

Per informazioni:
www.museonovecento.it

Vedi mappa
I più popolari su intoscana