Job-in-lab, spazio a giovani laureati

Progetto promosso dall'Ateneo fiorentino

Favorire l’occupazione dei laureati fiorentini e rispondere al bisogno di innovazione delle imprese del territorio. Sono questi gli obiettivi di Job-In Lab, un progetto che si inserisce nell’ambito delle politiche di orientamento al lavoro e placement dell’Università di Firenze. L’iniziativa è rivolta ad aziende, ad associazioni e studi professionali dell’area metropolitana interessati a sviluppare un progetto innovativo coinvolgendo giovani qualificati. E’ un progetto che mira all’innovazione che investe sul capitale umano, favorendo il trasferimento al sistema imprenditoriale delle competenze dei giovani (anche scientifiche con il coinvolgimento dei dottorandi di ricerca, dottori di ricerca e assegnisti di ricerca), l’avvio di processi imprenditoriali di innovazione, di internazionalizzazione, di aggregazione, di autogestione della crisi, la genesi di nuove figure professionali adeguate alle esigenze dei sistemi imprenditoriali, la diffusione della cultura relazionale generativa di innovazione in ambito imprenditoriale e professionale.

Job-In Lab prevede l’allestimento di quattro differenti tipologie di laboratori su innovazione tecnologica, internazionalizzazione, sviluppo di un progetto in rete, gestione della crisi
. Ai laboratori parteciperanno laureati provenienti da diversi settori disciplinari, selezionati in ragione delle specifiche conoscenze, le imprese aderenti, un facilitatore della comunicazione interna al gruppo, un esperto di innovazione e un referente accademico, tutti dell’Università di Firenze, un responsabile delle associazioni di categoria. Ai laureati sarà offerta l’opportunità di un percorso formativo su lavoro in impresa e autoimprenditorialità. Tirocini di qualità o contratti di apprendistato di alta formazione e ricerca saranno attivati all’interno di ciascun laboratorio.

Questa iniziativa attesta ancora una volta l’impegno profuso dall’Università di Firenze verso i propri studenti e la forte attenzione per i temi del lavoro e del trasferimento tecnologico – spiega Paola Lucarelli delegata del Rettore all’orientamento in uscitaquesto progetto pilota ha una particolare importanza perché intreccia le azioni del Centro di Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e la gestione dell'Incubatore Universitario (CsaVRI) e dell’Ufficio di Orientamento al lavoro e Job Placement (OJP). È un progetto che chiede di credere e investire sul capitale umano giovane, qualificato e portatore di creatività e innovazione. Nella prospettiva della collaborazione tra l’Università e il sistema produttivo, Job-In Lab rappresenta un’occasione preziosa”.

Per le aziende il termine per comunicare l’adesione è fissato al 15 gennaio. Seguirà un colloquio con lo staff del programma Job-In Lab per individuare i diversi profili dei laureati da coinvolgere. Sulla base di questa ricognizione, a febbraio sarà pubblicato un bando rivolto ai laureati dell’Ateneo di Firenze da non più di dodici mesi. Per informazioni è possibile scrivere a ojp@csavri.unifi.it indicando il tipo di laboratorio a cui si è interessati. Le attività cominceranno a marzo e dureranno sei mesi. Al termine dell’esperienza, a seconda dell’esito e della natura del laboratorio, si potranno configurare diverse opportunità quali, per esempio, la costituzione di una start up o l’attivazione di rapporti di collaborazione o contratti di lavoro.

Università di Firenze


04/01/2013