La fanciulla del West di Giacomo Puccini al teatro Verdi di Pisa

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2018 torna la stagione dell’Opera per l’Orchestra della Toscana

Approda anche a Pisa La fanciulla del West nella coproduzione che ha inaugurato lo scorso novembre la Stagione Lirica 2017-2018 del Teatro del Giglio di Lucca e la quarta edizione del Lucca Puccini Days, incentrato quest’anno su una serie di eventi dedicati al Maestro sullo sfondo delle due Americhe.

È quasi superfluo raccontare la trama di questo capolavoro pucciniano, molto amato dal pubblico degli appassionati fin dal suo debutto a New York, nel 1910 con Enrico Caruso, Emmy Destinn, Pasquale Amato e Arturo Toscanini sul podio. Ambientata nel lontano West di metà Ottocento, ai tempi della febbre dell’oro, fra rudi cercatori, sceriffi e banditi, saloon e linciaggi, la vicenda si impernia sul classico triangolo assai caro all’autore: lei (Minnie), proprietaria di un saloon, è corteggiata dallo sceriffo (Rance) ma ama, riamata, il bandito (Dick Johnson). Mille le peripezie e i colpi di scena, fino - questa volta - al lieto fine, singolare per le eroine pucciniane destinate solitamente a sorti assai tristi, il più delle volte alla morte.

Considerata come “anomala” all’interno della produzione del grande compositore lucchese, con le sue evidenti arditezze armoniche che guardano a Strauss e Debussy e con un’ambientazione insolita, deliberatamente ricercata per impressionare il pubblico americano, La fanciulla del West è anche reputata come l’opera della svolta, quella che prelude al Trittico e a Turandot. È del resto palpabile, in quest’opera, la tensione di Puccini verso un continuo aggiornamento, una tensione vissuta ed estrema, ai confini dell’ansia, come attesta fra l’altro la lunghissima gestazione. L’ultima rappresentazione de La fanciulla del West a Pisa risale alla Stagione Lirica 2001.

Biglietti: da 13,00 a 44,00 euro.
Per informazioni tel. 050 941188
Prevendita online con carta di credito sul sito www.vivaticket.it 

23/01/2018