La Guida Blu di Legambiente e Touring Club premia il mare toscano

di Costanza Baldini

La guida del mare più bello 2017 incorona la Maremma, l’Isola del Giglio e il Lago dell’Accesa

È uscita “Il mare più bello 2017”, la guida di Legambiente e Touring Club Italiano che passa in rassegna le migliori località marine e lacustri per la vacanza perfetta. Tra le 21 entrate in classifica con le 5 vele al secondo posto dopo il Litorale di Chia in Sardegna è stata premiata la Maremma toscana con Castiglione della Pescaia, Scarlino, Marina di Grosseto e Follonica. Al settimo posto torna l’Isola del Giglio dopo lo smaltimento dei resti della Costa Concordia insieme a Capalbio, Orbetello, Magliano e il Monte Argentario. Mentre per quanto riguarda le località lacustri a spiccare è il Lago dell'Accesa in provincia di Grosseto.

Le altre spiagge nella Top Ten sono: Baronia di Posada e Parco di Tepilora in Sardegna al 3° posto, Litorale di Baunei sempre in Sardegna al 4° posto, l'Alto Salento Adriatico in Puglia al 5° posto, la Costa del Parco agrario degli Ulivi secolari in Puglia che comprende Polignano a Mare, Ostuni, Monopoli, Fasano e Carovigno al 6° posto, Plenargia in Sardegna all'8° posto, l'Isola di Ustica in Sicilia al 9° posto e Gallura e l'Arcipelago della Maddalena in Sardegna al 10° posto.

La Guida Blu è una bussola per orientarsi tra le più belle località di mare e di lago del nostro Paese che quest'anno porta con se anche qualche novità a cominciare dalla scelta di premiare i comprensori turistici (100 quelli messi in fila in questa edizione) e non soltanto i comuni con le 'storiche' vele. Nel 2017 le 5 vele vanno a 21 comprensori turistici: 15 marini e 6 lacustri (Molveno, in provincia di Trento, il migliore). La Sardegna è la Regione più premiata con 5 comprensori a 5 vele; poi la Sicilia con 3 comprensori premiati con le 5 vele, la Toscana con 2 comprensori e poi la Puglia.

La Guida è stata costruita sulla base dei dati raccolti da Legambiente su caratteristiche ambientali e qualità dei servizi che vanno dall'uso del suolo alla biodiversità fino alle attività turistiche e a iniziative per la sostenibilità.  

"In questi anni - ha dichiarato la presidente di Legambiente Rossella Muroni - abbiamo assistito ad una evoluzione del turismo che è passato da un turismo di massa ad un turismo di qualità, attento all'ambiente e alla sostenibilità. Sono per altro aumentate le persone che scelgono luoghi e mete ecofriendly e un turismo green".

Monte Argentario
Monte Argentario

 

16/06/2017