La Regione Toscana invita i giovani agricoltori a fare impresa

In programma premi fino a 50.000 euro ed altre agevolazioni. La domanda può essere presentata fino al 2 novembre 

Incentivare le nuove generazioni a puntare sul mondo dell’agricoltura al fine di aumentare la competitività del settore: è questo, in sostanza, l’obiettivo dell’Avviso Pubblico “Aiuto all’avviamento di imprese per giovani agricoltori”, divulgato il 1° luglio dalla Regione Toscana nell’ambito del progetto Giovanisì.

Il bando è rivolto a tutti quei soggetti aventi un’età compresa tra i 18 e i 40 anni che si insedino per la prima volta in un’azienda agricola e che desiderino, ovviamente, diventare imprenditori agricoli professionali. Gli interessati sono tenuti a presentare un proprio piano aziendale e devono impegnarsi ad acquisire - se non già possedute - le adeguate qualifiche e competenze lavorative. L’attività di riferimento può essere sia una ditta individuale che societaria ed è consentito l’insediamento di più giovani nell’ambito della stessa impresa.

Il programma prevede un premio all’avviamento di 40.000 euro per ogni nuovo agricoltore o di 50.000 euro nel caso in cui l’azienda destinataria ricada completamente in un’area montana. In presenza di “insediamenti plurimi” sono erogate fino ad un massimo di cinque agevolazioni. È inoltre previsto un contributo in conto capitale di misura variabile sugli investimenti individuati dalle sottomisure indicate dal Piano di Sviluppo Rurale e specificate all’interno dell’Avviso Pubblico.

La domanda deve essere presentata entro le ore 13 di lunedì 2 novembre esclusivamente tramite procedura informatizzata, compilando la modulistica disponibile sul sito di ARTEA (Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura). Prima di avanzare la richiesta è necessario iscriversi all’anagrafe regionale del sistema informatico di ARTEA e documentare la propria posizione anagrafica mediante la costituzione del fascicolo aziendale elettronico.

 

Per consultare il bando “Aiuto all’avviamento di imprese per giovani agricoltori” clicca qui


02/07/2015