Musica/

Musica antica nelle chiese di Pisa Tre concerti per il festival “Inaudita”

Dal 4 al 7 settembre appuntamento nella basilica romanica di San Piero a Grado, nella Badia di San Savino di Cascina e nella chiesa di San Michele degli Scalzi

Concerti di musica classica nelle chiese più belle della provincia di Pisa. È questo il programma di Inaudita, il Festival di Musica antica diretto da Carlo Ipata che per la sua 19ima edizione sceglie una strada inedita, concentrando tutti gli eventi nel lungo fine settimana dal 4 al 7 settembre, per accompagnare gli spettatori in un viaggio tra note medievali, barocche e contemporanee.
Per l’occasione infatti il festival ospiterà alcune prime esecuzioni assolute di brani di musica contemporanea, scritti appositamente per questa rassegna durante un corso di composizione e realizzati a partire da antichi testi sacri.

Il primo ensemble a esibirsi sarà quello degli Homme Armé, che il 4 settembre nella basilica romanica di San Piero a Grado presenterà alcuni brani composti per le cattedrali di Parigi e Reims.
La seconda tappa del festival sarà il 5 settembre a Pisa nella chiesa di San Michele degli Scalzi, con i pugliesi de La Confraternita de’ Musici che accompagneranno il sopranista Paolo Lopez in un programma incentrato su alcuni brani che tra fine Seicento e inizio Settecento vennero scritti per cappelle e confraternite disseminate su tutta la penisola e in particolar modo al Sud. Il brano contemporaneo in prima assoluta sarà Perdeler III del turco Alicam Camci.

L’ultima data del festival, alla Badia di San Savino di Cascina, è con i pisani Auser Musici che proporrà una prima ripresa in epoca moderna della Missa Tres Pro Defunctis insieme a una cantata di Bach. Lorenzo Restagno proporrà invece in prima esecuzione assoluta il il suo brano ‘Ogni cosa è dalla mente creata’.

I più popolari su intoscana