Ambiente/

Pasqua a tavola: consigli per un pranzo green e senza sprechi

Decorazioni eco-friendly, stoviglie biodegradabili ma soprattutto prodotti a chilometro zero e di stagione. Ecco alcune idee per rispettare l’ambiente in queste giornate di festa

Tavola apparecchiata con decorazioni sostenibili per Pasqua

Si avvicina la Pasqua e come sappiamo, quest’anno, dovremmo rinunciare alle abituali gite fuori porta o alle visite ai parenti. Probabilmente sarà “diversa” anche da un punto di vista gastronomico, visto che avremo più tempo a disposizione per preparare manicaretti e specialità. A questo proposito, è importante portare a tavola prodotti freschi e di stagione: un piccolo ma importante gesto che aiuta a rispettare l’ambiente, soprattutto in questo momento particolare. 

Ecco qualche consiglio per un pranzo green e senza sprechi.

1) Per prima cosa, è fondamentale pianificare con attenzione il menu di Pasqua che volete proporre: questo vi aiuterà ad acquistare prodotti mirati e spendere il giusto. Prima di recarvi a fare la spesa (o prima di ordinarla a domicilio), scrivete una dettagliata lista di cosa vi serve: eviterete di comprare pietanze in eccesso.

2) Dopo aver fatto una lista della spesa, cercate di acquistare prodotti a chilometro zero e di stagione (che sono anche più convenienti dal punto di vista del prezzo): sembrano banalità, ma sono delle pratiche che aiutano a sostenere l’economia locale e a ridurre l’inquinamento dovuto al trasporto. Ma non solo: questi alimenti eco-friendly sono anche più ricchi a livello nutrizionale. Qui, ad esempio, trovate il calendario stagionale del pesce in Toscana; qui quello della frutta e della verdura.

3) Il vostro frigo è pieno di avanzi del pranzo di Pasqua? Nessun timore: via libera alla creatività! In Toscana siamo dei veri artisti nel recupero dei piatti. Il pane raffermo, ad esempio, può diventare pappa al pomodoro, bruschetta, panzanella o ribollita; verdure e patate già cotte possono arricchire frittate, pasta o minestroni.

sfoglia la gallery

4) Prevenire è meglio che riciclare. Per evitare gli sprechi di cibo, oltre a comprare le giuste quantità, è buona regola leggere attentamente l’etichetta con la data di scadenza.
Curiosità: sapevate che c’è differenza tra la data “limite” di consumo e la dicitura “da consumarsi preferibilmente entro”? In quest’ultimo caso, infatti, non viene segnalata una vera e propria scadenza, ma un periodo oltre il quale l’alimento potrebbe aver perso alcune proprietà.

5) Oggi più che mai è importante fare una corretta raccolta differenziata per poter trasformare tali avanzi in biogas (combustibile rinnovabile) e in compost (fertilizzante organico per i terreni). Ricordiamoci, tra le altre indicazioni, che l’olio da cucina va raccolto in un recipiente a parte e non versato nella rete fognaria; le pile e le batterie devono essere smaltite presso i punti vendita di questi beni e che i rifiuti ingombranti non possono essere lasciati accanto ai cassonetti.

6) Come deve essere decorata una tavola di Pasqua green? Sicuramente non deve avere piatti, bicchieri e posate di plastica, ma questo lo sapevate già! Se non volete rinunciare alla comodità dell’usa e getta, utilizzate stoviglie biodegradabili e compostabili. Visto che parliamo di una festa in pieno clima primaverile, potete divertirvi a creare dei centrotavola e dei segnaposto ecologici! Ad esempio, potete realizzare delle composizioni con fiori, sassi e foglie del giardino ed erbe aromatiche che crescono nei vasi del vostro terrazzo.
Preferite dipingere e disegnare? Potete decorare le uova sode (provenienti da galline felici) con colori per alimenti: in questo modo potete anche gustare le vostre creazioni.

7) Infine, un consiglio “solidale”. Sulle tavole degli italiani a Pasqua difficilmente manca l’uovo di cioccolato. Perchè non acquistarne uno il cuo ricavato va in beneficenza o in sostegno un’associazione di volontariato? In Toscana ci sono molte iniziative non-profit che portano a casa colombe e uova che fanno bene alla comunità. Ad esempio AIL – Sezione di Firenze, Fondazione ANT – ToscanaADMO – Toscana.

I più popolari su intoscana