Innovazione/

Pisa: al Cnr arriva un laser da record per le applicazioni biomedicali

L’impianto, al top in Europa, è in grado di sviluppare oltre 200.000 miliardi di watt, un dato superiore alla potenza elettrica istantanea del pianeta

Da ieri a Pisa c’è uno dei laser per i trattamenti biomedicali più potenti d’Europa. È stato infatti inaugurato ieri dall’Istituto Nazionale di Ottica dell’Area di Pisa del Cnr, il nuovo laboratorio che combina un impianto laser di altissima potenza, con sistemi per lo studio dell’interazione tra luce e materia, a intensità estreme e grandi densità di energia. Il laser, attraverso un complesso sistema di manipolazione spettrale e temporale, genera impulsi di luce di oltre 200.000 miliardi di watt, superiori alla potenza istantanea elettrica dell’intero pianeta, e con durate estremamente brevi, inferiori a 30 biliardesimi di secondo.

L’infrastruttura dell’Ino-CNR – spiega Leonida Gizzi, responsabile della sede Ino di Pisa – per la sua combinazione di caratteristiche laser e sistemi di misura avanzati, è l’unica in Italia presso la quale sia possibile ottenere fasci di particelle e radiazione per applicazioni biomediche prodotti con tecniche laser e in condizioni controllate”.

“Con questo impianto – ha evidenziato Paolo De Natale, direttore dell’Ino-Cnr – il nostro istituto esprime appieno la sua vocazione nello sviluppo dei laser e continua a proporsi come una delle realtà leader in Italia nel campo dell’Ottica e della Fotonica e motore della ricerca e della formazione in questo settore.”

“Tutte queste competenze rafforzano il ruolo del Cnr quale centro di riferimento europeo per le tematiche legate alla Infrastruttura Europea ELI – sottolinea Corrado Spinella, direttore del Dipartimento di Scienze Fisiche del Cnr -, e aprono grandi prospettive di sviluppo industriale dimostrando l’importanza di concentrare grandi investimenti infrastrutturali dove esistono competenze scientifiche riconosciute a livello internazionale”.

“Fondamentali nello sviluppo dell’impianto – ha aggiunto Leonida Gizzi – sono le partnership con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, in particolare con le sezioni di Pisa e Milano, LNF e LNS, con l’Istituto di Fisiologia Clinica del CNR e con l’Unità di Fisica Sanitaria dell’AOUP, oltre che con aziende ad alto contenuto tecnologico come la Vcs e la Amplitude Technologies.”

Topics:

I più popolari su intoscana