Salute/

Sanità: nuove risorse per le trasfusioni

Un milione e 400 mila euro in arrivo dalla Regione per innovazione e sicurezza

Quasi un milione e 400mila euro da utilizzare per l’acquisizione di beni e servizi finalizzati alla rintracciabilità del sangue e degli emocomponenti destinati a trasfusioni, alla notifica di effetti indesiderati e incidenti gravi e all’adeguamento delle strutture alle norme e alle specifiche comunitarie relative a un sistema di qualità per i servizi trasfusionali. A tanto ammontano le risorse aggiuntive stanziate dalla Regione e messe a disposizione delle aziende sanitarie toscane per le strutture trasfusionali. “Queste risorse dedicate – sottolinea l’assessore al diritto alla salute Daniela Scaramuccia – sono destinate all’accreditamento, all’innovazione e alla sicurezza del sistema trasfusionale. Non servono quindi per l’attività ordinaria, ma per un salto qualitativo dell’intero sistema. Sono ancora più importanti in questo momento di difficile situazione economica generale, che coincide con l’esigenza di adeguamento in tempi brevi di tutto il sistema trasfusionale alle norme dell’accreditamento previste dalla Comunità Europea”.
Le norme europee spingono sempre di più il settore trasfusionale verso una qualificazione delle procedure, che aggiungano all’entusiasmo del volontariato e alla professionalità degli operatori sanitari l’osservanza di norme europee che introducono nel settore trasfusionale principi e procedure tipiche del settore farmaceutico.

I più popolari su intoscana