Attualità/

Sant’Anna di Stazzema, è il giorno del ricordo

Oggi l’omaggio alle 560 vittime della strage nazi-fascista di 66 anni fa

Ossario sant’Anna di Stazzema

«Oltre al commosso omaggio alle vittime di quell’orrenda carneficina, dobbiamo vigilare perché le condizioni che resero possibile tante tragedie e lutti non si ripetono ed attivare gli anticorpi indispensabili per far si che la storia non ritorni sui propri passi peggiori».

Sono state queste alcune delle parole dell’orazione ufficiale del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi alla commemorazione per i 66 anni della strage di Sant’Anna di Stazzema che si è tenuta oggi nel piccolo comune in provincia di Lucca, teatro, il 12 agosto del 1944, di uno degli episodi più efferati del secondo conflitto mondiale in Italia. Le truppe nazifasciste massacrarono 560 civili tra donne, vecchi e bambini, vittime incolpevoli di una ferocia disumana e spietata, uccisi e poi bruciati in orrendi roghi insieme a tutte le case del paese. Il massacro fu opera dei soldati tedeschi d ella 16° Panzergrenadier – Division delle SS che continuarono le uccisioni e stragi di civili nei giorni successivi nelle Provincie di Massa Carrara e di Lucca.

«Il Novecento ci trasmette una eredità terribile – ha aggiunto Rossi – di cui Sant’Anna di Stazzema rappresenta una testimonianza permanente. Da questo luogo dove si è scritta una pagina così tragica della nostra storia e dove il dolore ha avuto così tanta parte, dobbiamo far partire il messaggio di “vaccinare” i nostri giovani dal virus della violenza e della sopraffazione. E’ necessario promuovere la visione di una moderna cultura dei diritti universali l’unica capace di offrire una prospettiva di sviluppo e di pace in questo mondo globalizzato».

Rossi ha poi ricordato il contributo della Toscana alla lotta antifascista portata avanti da tanti cittadini, soldati e partigiani e il duro prezzo pagato con un decimo di tutti i danni di guerra, centinaia di deportati, 4461 vittime civili degli eccidi nazifascisti oltre a 281 stragi.
«Per quanto riguarda la memoria – ha continuato il presidente della Regione – che è un patrimonio di ogni comunità ed elemento prezioso del vivere civile, il nostro impegno in questi anni è stato per dargli continuità e consistenza.

Ecco cosa c’è dietro lo slogan sulla “Giornata della memoria” che in Toscana dura 365 giorni. Con il “Treno della memoria” abbiamo portato più di cinquemila giovani a visitare il campo di sterminio di Auschwitz, il centro della catastrofe del XX secolo. Abbiamo favorito l’attività di documentazione e di ricerca sull’antisemitismo, sul razzismo, sulle stragi di civili nel biennio 1943–45. Ci siamo costituiti parte civile – ha concluso – nei processi che in questi anni hanno individuato i responsabili di rappresaglie ed uccisioni».

Do po la cerimonia ufficiale al Sacrario di Colle Cava è partita la “Marcia della pace” che da Sant’Anna di Stazzema attraverso gli Appennini si concluderà il prossimo 16 agosto a Marzabotto. Una iniziativa organizzata per tenere viva la memoria e legare questi due luoghi simboli della ferocia nazista oltre che per lanciare un messaggio di pace tra i popoli.

Nella foto l’Ossario di Sant’Anna di Stazzema.

I più popolari su intoscana