Innovazione/

Sentiment, Big Data e turismo: un digital champion ci salverà

Intervista a Miko Lalli di Travel Appeal, entrato a far parte da poco del progetto di rivoluzione e innovazione di Riccardo Luna

digital champions

Recentemente, Riccardo Luna – uno che di innovazione se ne intende – ha presentato a Roma i primi 100 componenti di un nuovo progetto nazionale che prevede la nomina di un “Digital Champion” (ovvero un ambasciatore del web) per ogni singolo comune italiano. Più di 8 mila persone saranno quindi incaricate di diffondere e raccontare le opportunità che offrono le nuove tecnologie; di dare inizio a una vera e propria rivoluzione digitale “porta a porta”.

Tra questi nomi – annunciati alla presenza del presidente del Consiglio Matteo Renzi – molti sono toscani. Ma vediamo meglio chi sono e cosa fanno i digital champions.

Come li definisce Riccardo Luna – spiega Mirko Lalli, originario di Pergine Valdarno, membro del direttivo per il turismo, Founder e CEO di Travel Appealsono degli ‘attivisti digitali’ che dovranno dialogare con il territorio, raccogliere spunti e nuove sfide per migliorare la situazione”.

Questi ‘medici senza frontiere dell’innovazione’ avranno il compito anche di costituire un ponte con le amministrazioni pubbliche; – continua Lalli –  tutto in maniera assolutamente volontaria e senza retribuzione.

L’incarico dei digital champions è quello di agire localmente, partendo dalle più piccole realtà territoriali, e andare a comunicare i vantaggi e le occasioni di crescita che la rete propone. A partire dalle nozioni di banda larga e big data.

In pratica, è esattamente quello che facevo prima e quello che continuo a fare ogni giorno: spiegare in che modo il digitale può facilitare la nostra vita e il nostro business“.

Mirko è anche l’ideatore del Travel Appeal Index, uno strumento che serve a misurare e individuare criticità e suggerimenti utili per migliorare la reputation di una destinazione, di un territorio o di una struttura.

Grazie alla quantità di dati che il motore intercetta ed analizza, è possibile conoscere le esigenze che caratterizzano il target di riferimento e, quindi, costruire delle scelte di marketing appropriate.

Qualche mese fa, questo strumento è stato messo alla prova per realizzare la classifica delle sei città in corsa per diventare capitale della cultura 2019  e, in linea con i risultati effettivi, dimostrava che la favorita era Matera.

Sono un po’ dispiaciuto per Sienaci confida perché aveva un progetto davvero molto valido, ma Matera è una città meravigliosa e i nostri dati non hanno fatto altro che rilevare quello che le persone percepiscono”.

Resta da chiedersi: alla luce di questo matrimonio tra turismo e tecnologie, quale sarà il viaggio del futuro?

Rispondo con una provocazione:No one will buy tourism in the future’ [Neal Gorenflo]. Nel senso che, il turismo sta crescendo incessantemente, è l’unico settore che a dispetto della crisi continua a prosperare; eppure nessuno vorrà più comprare turismo in futuro: nessuno sarà disposto a pagare per un’esperienza ‘standard’ e stereotipata. Si cercherà sempre più un viaggio o un soggiorno autentico, un’offerta fatta su misura per ogni persona.

A conferma di ciò, basta leggere i dati e le statistiche di servizi come Airbnb: negli ultimi anni c’è stato un boom di richieste. Riassume tutto l’espressione inglese ‘travel like a local‘.

E’ proprio su questo che l’Italia deve concentrarsi: – conclude Mirko Lalli – per tornare ad essere ‘appetibile’ turisticamente deve fare leva e investire su creatività, identità territoriale e autenticità”.

 

Mirko Lalli sarà presente il 3 dicembre a BTO – Buy Tourism Online, al panel “Big Data, Measurement and Analytics. In quell’occasione svelerà in anteprima una ricerca condotta su 10 città italiane (tra cui anche Firenze).

I più popolari su intoscana