Enogastronomia/

Siena: Cinelli Colombini nominati Accademici della Vite e Vino

Il prestigioso riconoscimento assegnato nel corso di una cerimonia all’Accademia Nazionale della Vite e del Vino

Donatella Cinelli Colombini

Ancora un riconoscimento (triplo) per la famiglia Cinelli Colombini e per la Fattoria dei Barbi. Stefano e Donatella Cinelli Colombini e la loro madre Francesca Colombini, nominati rispettivamente Accademici Ordinari e Accademico Emerito dell’Accademia Nazionale della Vite e del Vino nel corso di una cerimonia svoltasi alla Scuola Enologica Conegliano.

“Da quando esiste l”Accademia Nazionale della Vite e del Vino c’è sempre stato un Colombini tra i suoi membri e ora ce n’è addirittura più di uno”, commenta a caldo il titolare della Fattoria dei Barbi. “Si tratta di un ulteriore riconoscimento della centralità nel mondo del vino italiano di un’azienda che ha fatto la storia del Brunello e dell’enologia italiana e che accogliamo con grande orgoglio e onore.”

I Cinelli Colombini producono Brunello dal 1892  alla Fattoria dei Barbi e sono stati i primi a esportarlo in Europa, America e Asia. Dall’800 a oggi i vini dei Barbi hanno vinto premi in ogni parte del mondo e l’etichetta blu è da sempre il Brunello più noto. 

L’appartenenza all’Accademia Nazionale della Vite e del Vino è considerata come il raggiungimento di un traguardo professionale di prestigio e di onore: attualmente comprende circa 500 membri. 

 

 

I più popolari su intoscana