Salute/

‘Smart Inclusion’ arriva al Meyer

L’iniziativa consentirà ai piccoli pazienti di partecipare alla vita sociale collegandosi con scuola e casa e ai medici di ottimizzare i processi di cura

E’ stato inaugurato oggi all’Ospedale Meyer di Firenze, il progetto “Smart Inclusion”, realizzato grazie al sostegno del Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, al supporto tecnologico di Telecom Italia, alla supervisione scientifica del CNR-ISOF di Bologna e al finanziamento della Regione Toscana e dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze.

Si tratta della quarta realizzazione in Italia di questa iniziativa, un ulteriore passo in avanti rispetto al piano di estensione a livello nazionale di Smart Inclusion. Per l’estensione del progetto all’Ospedale pediatrico Meyer di Firenze Regione Toscana ha erogato un finanziamento di 600 mila euro e l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze l’ha sostenuto con un contributo di 100 mila euro.
Appositamente realizzato per i lungodegenti dei reparti di Oncoematologia pediatrica, “Smart Inclusion”, integra, su un’unica piattaforma tecnologica realizzata da Telecom Italia, servizi di teledidattica, intrattenimento e gestione dei dati clinici, consentendo ai bambini di partecipare, in maniera semplice ed immediata, alla vita sociale collegandosi con la scuola e la famiglia e, al personale sanitario, di disporre di strumenti evoluti a supporto dei processi di cura dei piccoli pazienti. Il progetto si basa totalmente su tecnologie open source, in linea con le indicazioni dell’Unione Europea, consentendo avanzate performance e risparmi economici di circa € 1.000 per ogni postazione ed € 500 per ogni terminale ospedaliero.

Attraverso l’innovativo video-terminale touchscreen Olivetti “Smart Care”, dotato di telecamera e postazione a bordo del letto, il bambino, con una semplice pressione del dito, è in grado di interagire con la propria classe e partecipare alle lezioni, grazie all’installazione in aula della postazione Smart School, composta da una lavagna interattiva collegata ad un totem multimediale per l’insegnamento. Inoltre può accedere a programmi di intrattenimento attraverso canali televisivi tematici, a giochi interattivi o effettuare videochiamate con i propri familiari a casa. Grazie alle postazioni Smart School, inoltre, docenti, studenti e famiglie potranno fruire del portale “Innova Scuola” e accedere a materiali didattici e esercizi multimediali, e a tutti gli strumenti sviluppati secondo le direttive del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e del dipartimento per la digitalizzazione della PA e l’innovazione tecnologica.

Il progetto Smart Inclusion, già attivo presso gli Ospedali Sant’Orsola di Bologna, Bambino Gesù di Roma e l’Azienda Ospedaliera di Padova, sarà esteso, in base agli accordi già stipulati tra il Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, il CNR-ISOF e Telecom Italia, ad altri 8 ospedali entro il 2010, tra cui l’Ospedale Pediatrico Istituto G. Gaslini di Genova e l’Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino.

I più popolari su intoscana