Innovazione/

Start Cup Toscana: sul podio le idee innovative dal mondo della ricerca

Sensori radar, pneumatici intelligenti e Internet delle cose: ecco le tre proposte classificate che diventeranno impresa grazie al contributo della Regione

La Toscana che innova è salita oggi sul palco della Start Cup, il premio organizzato dalle università toscane e finanziato dalla Regione che ogni anno aiuta le idee più tecnologiche provenienti dal mondo della ricerca a diventare impresa.

Ad aggiudicarsi l’edizione 2015 è stata Echoes, proveniente dall’ateneo di Pisa che ha convinto la giuria con il suo sensore radar innovativo in grado di funzionare anche al buio e in condizioni atmosferiche difficili, utile per la sorveglianza nei porti, mentre al secondo posto è arrivata sempre una start-up pisana, Things On Internet, che sviluppa soluzioni per rendere più concreto l’Internet delle cose, con sensori che interagiscono con l’ambiente e con gli utilizzatori. Medaglia di bronzo per Smart Tyre, spin-off della Scuola Superiore Sant’Anna con i suoi pneumatici intelligenti per monitare in tempo reale lo stato di usura delle gomme ed evitare incidenti stradali.

Alle tre proposte vincitrici viene offerta la possibilità di trasformare l’idea in una vera impresa, grazie ad attività formative, assistenza nella redazione del business plan e premi in denaro, messi a disposizione dalla Regione, inoltre parteciperanno alla finale nazionale del premio in programma a dicembre a Cosenza. Menzione speciale e quarto post ex aequo per G999 – che ha realizzato un macchinario per produrre tessuti “triassiali” innovativi – e per Laborplay, che propone di valutare le competenze trasversali per le risorse umane attraverso i giochi online. Dal campo sanitario a quello tecnologico, le dieci idee arrivate in finale dimostrano l’estrema vivacità di tutto il sistema della ricerca toscano.

I più popolari su intoscana