Made in Toscana/

“Team China”, guida per le imprese Firenze strizza l’occhio all’Est

Esperti al servizio delle aziende fiorentine per promuovere affari. Commercio estero: la Cina vale per la Toscana circa 857 milioni 

export

Si dice che per uscire dalla crisi stagnante che investe l’Italia da anni una delle soluzioni sia quella di continuare a investire nell’export: i numeri e i dati forniscono indicazioni sulla strada da seguire. La Cina, ad esempio,   vale per la Toscana 857 milioni in termini di export  e – quasi un terzo di questa cifra (269 milioni) – proviene dall’area fiorentina, soprattutto nei settori della pelle (35,7%), dei macchinari (23,3%) e dell’abbigliamento (15%). Numeri che si trasformano in opportunità economica che Firenze vuole accrescere. Così  è nato il “Team China”, al servizio delle aziende Made in Florence che vogliano conquistare il mercato cinese e radicarsi sempre di più nell’est del mondo. Si tratta di un gruppo di esperti  costituito dalla Camera di Commercio di Firenze e da PromoFirenze, nato per guidare le imprese nella promozione all’estero.

“Per le aziende fiorentine – ha affermato il presidente della Camera di Commercio, Leonardo Bassilichi – è possibile diventare parte di investimenti già sostenuti in Cina fin da subito, scegliendo fra varie soluzioni, alcune delle quali presentate proprio in questa occasione. In pratica, le singole aziende non dovranno per forza costruire una nuova casa in Cina, ma potranno anche limitarsi ad abitarla”.

L’iniziativa  è stata presentata oggi nel capoluogo toscano, nel corso dell’incontro organizzato dal Comune al Palagio di Parte Guelfa, al quale hanno partecipato anche l’ambasciatore cinese in Italia Li Ruiyu, il console generale a Firenze Wang Fuguo, diplomatici e delegati commerciali di Stati Uniti, Perù . Presenti anche  150 fra imprese e consulenti per l’internazionalizzazione

“Nei prossimi 5 anni la Cina avrà 500 miliardi di dollari da investire all’estero” – ha tenuto a sottolineare l’amabasciatore Li Ruiyu. Vogliamo approfondire le riforme per migliorare l’ambiente di investimento. La Cina desidera lavorare insieme agli altri Paesi per dare vita a nuove relazioni finalizzate alla mutua crescita”.

Potrebbero interessarti anche:

Le imprese toscane volano in Cina con il Polo di Navacchio

La Toscana sempre più vicina alla Cina

Università di Arezzo: formatori per l’export cinese e russo

I più popolari su intoscana