Innovazione/

Teatro, musica e cinema a #IF2016: il rapporto tra cultura e rete

Tra gli ospiti anche il regista Ciprì, l’attore Fabio De Caro (Malammore in Gomorra) e Jacob Collier in concerto, talento di 21 anni sulla cresta dell’onda.

Jacob Collier

Teatro, musica e cinema corrono in rete e ci raccontano con il grande schermo e sul palco il rapporto con internet, dalla storia (come eravamo) al futuro prossimo. Così Internet Festival 2016 spazia, tra gli oltre 200 eventi, con una serie di eventi che invaderanno la città di Pisa dal 6 al 9 ottobre, intercettando una delle forme più secolari di trasmissione del sapere: il cinema, il teatro e la musica.

Teatro

Tra gli eventi teatrali la rassegna “Le interviste impossibili” – storica tradizione del festival, nata dalla collaborazione tra I Sacchi di Sabbia, Diecimila.me e Marco Azzurrini – con tre attrici a interpretare tre importanti scienziati e inventori di successo. Si parte con Iaia Forte che darà voce sul palco a Hedy Lamarr, scienziata e inventrice di successo con una successiva carriera da attrice hollywoodiana. La diva viennese Hedy Lamarr (nata nel 1914) non fu un’attrice qualsiasi: oltre a diversi film, sei mariti e numerosi amanti, brevettò un’invenzione a scopo militare, oggi utilizzata per la telefonia mobile (giovedì 6 ottobre, ore 19.30). La rassegna prosegue con Milena Vukotic (storica attrice, da Un medico in famiglia ai vari Fantozzi) interpreterà, invece, Ipazia, matematica, astronoma e filosofa greca (nata ad Alessandria d’Egitto intorno al 400) da sempre simbolo di libertà di pensiero (venerdì 7, ore 19.30). Mentre Anna Meacci, attrice fiorentina, darà voce a Grace Murray Hopper, una pioniera della programmazione informatica, passata alla storia come una delle figure più eminenti dell’informatica, la prima ad aver pensato e realizzato un linguaggio di programmazione indipendente dalla macchina (il COBOL) teorizzando, tra le altre cose, il metodo del debugging, eliminazione dei bug informatici attraverso analisi periodiche e continue del codice sorgente del programma (sabato 8, ore 19.30). Tutti gli spettacoli si terranno al Teatro Verdi.

Cinema e serie tv

A Internet Festival il cinema sarà uno dei protagonisti dei quattro giorni a Pisa. Il grande schermo, la settima arte, sarà uno dei veicoli per parlare di futuro. Sarà presentata in anteprima Blatta la “webserie” di Daniele Ciprì basata sulla celebre graphic-novel italiana di Alberto Ponticelli, pubblicata nel 2008 da Leopoldo Bloom Edizioni. Cupo, visionario e di taglio decisamente cyberpunk, Blatta racconta la storia di un uomo che vive in completo isolamento dal mondo esterno e dal suo stesso corpo, in un futuro in cui le nascite sono proibite e la clonazione è lo strumento per perpetuare tecnologicamente la sopravvivenza e l’immortalità (domenica 9, ore 21, Cinema Arsenale). Tra le proiezioni in programma, sempre al Cinema Arsenale, anche il documentario Zero Days del regista premio Oscar Alex Gibney, (Stati Uniti, 2016), sulla straordinaria storia di “Stuxnet”, un virus aggressivo autoreplicante commissionato dai governi di Stati Uniti e Israele per sabotare il programma nucleare iraniano; ma questo complesso “malware” si è diffuso in maniera incontrollabile, ben al di là del suo iniziale target designato (venerdì 7). In rassegna anche l’ultimo documentario di Werner Herzog dal titolo “Lo and Behold – Internet: il futuro è oggi”, una riflessione ormai necessaria e irrinunciabile sulla vita nell’epoca di Internet, un tema che ci riguarda sempre più da vicino in modi che a volte nemmeno immaginiamo (venerdì 7). Entrambi i film sono distribuiti in Italia da I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection”. Tra i film ci sarà spazio anche per Infernet di Giuseppe Ferlito. Tra gli eventi letterari e cinematografici da segnalare anche l’omaggio a Star Trek in un incontro che esaminerà tutte le invenzioni della fantascienza letteraria (che a tratti ha anticipato quelle reali) su cui si è fondato il mito di una delle saghe cinematografiche di fantascienza più importanti al mondo (venerdì 7, ore 19.30, Palazzo Franchetti); e nello spettacolo teatrale “Generazione Star Trek, 50 colpi di phaser” con Giacomo Lucarini (sabato 8, ore 18.30, Cinema Arsenale). Tra le serie tv si parlerà del grande successo di  Gomorra in un incontro con l’attore Fabio De Caro, Malammore, uno degli attori principali; il  progetto Gomorra 360° di Monogrid verrà illustrato poi da Francesco Bernabei (venerdì 7, ore 18, Teatro Verdi). 

Musica

Anche musica a Internet Festival con il concerto di Jacob Collier (sabato 8, ore 21.30, Teatro Verdi), un ragazzo di solo 21 anni ma già affermato polistrumentista, pupillo di Quincy Jones. La sua storia musicale è iniziata nel dicembre 2011 caricando i suoi video su Internet; da quel momento i canali social online di Jacob hanno raccolto centinaia di migliaia di seguaci a livello internazionale con più di 6 milioni di visualizzazioni su YouTube. Tra gli altri ospiti musicali anche Gary Lucas in concerto al cinema Teatro Lumière (giovedì 6, ore

21.30) chitarrista, compositore, produttore discografico e docente, mentore di Jeff Buckley e performer con Lou Reed, Patti Smith e Nick Cave, descritto come “il chitarrista migliore e più originale in America” da Rolling Stone.

Da segnalare anche la prima Musicraiser Night a IF: la piattaforma di crowdfunding italiana Musicraiser porterà sul palco del Cinema Lumière tre band che hanno terminato con successo una raccolta fondi online (venerdì 7, ore 23).

Tra gli altri appuntamenti da non perdere: la “Sensibile Milonga. Una notte di tango argentino” in collaborazione con Smartex s.r.l. materiali intelligenti e tecnologie indossabili Musicalizzano: Barbara Taccini, Giampaolo Antoni e Luca Trupiano (giovedì 6, ore 21.30, Logge dei Banchi)

“Quei due sul server Laiff” con Nicola ‘Redez’ e Mario ‘Synergo’ – esperti di comunicazione, youtubers di successo e idoli dei giovanissimi – è l’unico evento a pagamento, biglietto d’ingresso a 12 euro, (venerdì 7, ore 21.30, Teatro Verdi). 

I più popolari su intoscana