Attualità/

Tpl: Ceccobao a Piombino

Con la riforma del trasporto pubblico locale la Regione Toscana garantisce 160 milioni di euro per 9 anni

Continuano gli incontri dell’assessore regionale ai trasporti Luca Ceccobao per presentare la riforma del trasporto pubblico locale. Questa mattina Ceccobao era a Piombino, Livorno.

“Con la venuta meno dei fondi statali per il trasporto pubblico locale – ha spiegatoabbiamo scelto una riforma di sistema che riorganizzi i servizi sia urbani che extraurbani, rifiutando la logica iniqua dei tagli lineari. La rimodulazione è stata effettuata in base a due criteri: concentrare più servizi dove ci sono più persone e garantire i collegamenti utilizzati da lavoratori e studenti, a cui si aggiungeranno dei servizi specifici per le aree a domanda debole organizzati dagli enti locali. L’intesa raggiunta con tutte le province e tutti i comuni capoluogo, insieme all’intesa con i sindacati, si basa quindi su questi criteri fondamentali”.

Per quanto riguarda le risorse, la Regione garantisce 160milioni di euro per 9 anni, più altri 30 milioni per investimenti al fine di migliorare la qualità del servizio e dei mezzi. Gli enti locali assicureranno a loro volta una cifra complessiva di 35 milioni di euro. Ecco i principali punti dell’accordo: garantita la stabilità al sistema, salvato il trasporto pubblico locale; garantita una rete di 100.000.000 milioni di chilometri; garantite risorse per l’acquisto di circa 1.000 nuovi bus. A oggi in Toscana circolano circa 3.000 autobus, la cui età media è 12 anni. Grazie ai 30 milioni l’anno destinati dalla Regione agli investimenti in nuovi autobus, questa età media passerà da 12 a 8 anni; garantiti da Regione ed enti locali 195 milioni di euro all’anno per i servizi; garantito un solo biglietto a tariffa integrata per autobus, tram, treni e traghetti. Sarà una novità che darà omogeneità a un sistema finora frazionato (sono 14 le diverse aziende che gestiscono il servizio di tpl via bus, cui si aggiungono biglietti diversi per treni, tram e traghetti); garantito il mantenimento o un rafforzamento del livello attuale dei servizi nelle città; garantite le corse extraurbane utilizzate dai pendolari; garantiti i livelli occupazionali grazie a una clausola sociale nel bando.

I più popolari su intoscana