Turismo, impresa digitale e industria 4.0: due firme per lo sviluppo

Regione Toscana e Unioncamere hanno sottoscritto due accorti per rafforzare le sinergie e il supporto alle piccole e medie imprese

Un altro passo in avanti per il rafforzamento di un sistema integrato a supporto delle imprese. Primo obiettivo degli accordi appena sottoscritti è il coordinamento e il rafforzamento del sistema della formazione e dell'accesso al mondo del lavoro. Una delle due intese intende favorire interventi in materia d'impresa digitale e Industria 4.0, l'altra è invece relativa al sistema del turismo.

Gli accordi sono stati sottoscritti tra Regione Toscana e Unioncamere regionale per conto delle Camere di commercio della Toscana. Si tratta di protocolli distinti finalizzati allo sviluppo economico e alla ripresa dell'occupazione in Toscana, entrambi in continuità con il protocollo d'intesa sottoscritto sempre dagli stessi soggetti il mese scorso.

ciuoffo_breda_accordo

«Sono accordi importanti perché permettono di creare le condizioni per lo sviluppo di un sistema regionale integrato al supporto delle piccole e medie imprese toscane e per lo sviluppo di strumenti sinergici e complementari in comparti importanti come l'impresa digitale e l'industria 4.0 da una parte, il turismo e la promozione turistica dall'altra» ha commentato Stefano Ciuoffo, assessore regionale alle attività produttive. «L'obiettivo finale è favorire il rilancio delle condizioni necessarie alla ripresa e allo sviluppo dell'economia della Toscana. Con le risorse messe a disposizione dalle Camere di commercio e la loro presenza sul territorio vogliamo dare una risposta integrata e sinergica alle nuove esigenze dei nostri imprenditori».

Per Riccardo Breda, presidente di Unioncamere Toscana, gli accordi rappresentano «un ulteriore passo in avanti nel processo di collaborazione e integrazione delle strategie messe a fattor comune dai nostri Enti, al fine di promuovere lo sviluppo dell'economia del territorio. Impresa digitale e industria 4.0? I fondi disponibili saranno di oltre un milione e mezzo di euro, di cui una parte a fondo perduto dedicata alle micro piccole e medie imprese per specifici servizi di consulenza e di formazione. Per il turismo, invece, il sistema camerale toscano contribuirà con interventi per oltre mezzo milione di euro».

26/07/2018